Perché Timothée Chalamet è uno degli attori più promettenti di Hollywood?

Dal 2017 Timothée Chalamet ha conquistato il mondo di Hollywood, ammaliando tutti con il suo talento. Ma perché è uno dei migliori attori del momento?

- Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2019 15:32 - Tempo di lettura: 6 minuti

Il successo può arrivare all’improvviso, certo, ma se non hai talento non puoi di certo sperare che le porte di Hollywood si aprano e che tutti ti offrano film, rendendoti l’attore più desiderato del momento. Timothée Chalamet il talento ce l’ha ed è grazie alla scoperta di Luca Guadagnino se l’attore può vantare adesso la partecipazione in grandi produzioni cinematografiche. Il successo riscosso in Chiamami col tuo nome l’ha reso, in poco più di un anno, uno degli attori più promettenti del mondo del cinema. Ma facciamo un passo indietro e capiamo bene chi è Timothée Chalamet, cosa lo ha reso così speciale e soprattutto perché il suo talento gli assicurerà una carriera ricca di grandi successi.

5. Timothée Chalamet quanti anni ha? La biografia dell’attore

Nato il 27 dicembre del 1995, Timothée Hal Chalamet cresce nel quartiere Hell’s Kitchen di Manhattan. Il padre, Marc Chalamet, è francese, mentre la madre, Nicole Flender è statunitense. La sua famiglia vanta già degli artisti, come lo zio regista Rodman Flender, da cui ha ereditato la passione per il cinema. Dopo essersi diplomato alla Fiorello H. LaGuardia High School of Music & Art and Performing Arts di New York, si è poi iscritto alla Columbia University, corso di studio abbandonato poco dopo a favore della Gallatin School of individualized Study-NYU sempre di New York, altro corso abbandonato poco dopo per la recitazione.

4. Timothée Chalamet e gli inizi della carriera

Il suo viso dolce, gli occhi verdi e i ciuffi ribelli che mostrano un animo da artista maledetto hanno spianato la strada al giovane Timothée nel mondo del cinema, che ha esordito a soli tredici anni, nel 2008, in due cortometraggi. Dal 2012, il giovane attore prende parte ad alcuni film e serie tv ricoprendo ruoli secondari, come Interstellar di Christopher Nolan, Hostiles – Ostili con Christian Bale, Lady Bird di Greta Gerwig.
La svolta però arriva nel 2017, quando Timothée viene scelto da Guadagnino per interpretare il giovane Elio nell’adattamento cinematografico del romanzo Chiamami col tuo nome di André Aciman. Il regista del film ha rivelato che quando conobbe Chalamet nel 2013, nell’allora attore diciassettenne vide “l’ambizione, l’intelligenza, la sensibilità e l’ingenuità”, tutti elementi adatti per interpretare il giovane Elio, un ragazzo sensibile e dedito all’amore.

Si sa che quando ci si prepara per un nuovo ruolo, bisogna essere precisi in tutto e capaci di entrare nel personaggio in poco tempo e realizzare una performance di impatto, seppur semplice. È anche per questo che Timothée Chalamet è uno degli attori più in voga del panorama cinematografico, perché è attento e rispettoso nei confronti del proprio lavoro e verso i personaggi che gli vengono affidati. L’attore per Chiamami col tuo nome, per esempio, non solo ha letto il romanzo da cui il film è tratto, ma è anche arrivato in Italia cinque settimane prima del resto della crew, per studiare la lingua, imparare a suonare la chitarra e perfezionare lo studio del pianoforte. I suoi sacrifici sono stati ripagati non solo con la popolarità, ma anche con dei veri e propri riconoscimenti, quali l’Hollywood Film Award nella categoria “miglior attore emergente”, ricevendo poi le candidature ai Golden Globe, ai SAG Awards, ai Bafta e addirittura nella categoria “miglior attore protagonista” ai premi Oscar del 2018.

3. Timothée Chalamet: il fidanzamento con Lily-Rose Depp

Come suddetto, grazie alla sua performance in Chiamami col tuo nome, il giovane e talentuoso Chalamet ottiene parti da protagonista in altre produzioni di un certo calibro, quali Beautiful boy, per cui riceve un’altra categoria ai Golden Globe, Piccole Donne, in uscita a gennaio 2020. Viene altresì diretto dal genio di Woody Allen nel film Un giorno di pioggia a New York e approda perfino nell’impero Netflix, nel ruolo da protagonista ne Il re (The king), in cui interpreta la giovane e influente personalità del re inglese Enrico V, personaggio tratto dai drammi storici di Shakespeare. Grazie a quest’ultimo film, pare che Timothée Chalamet abbia trovato anche l’amore, iniziando una relazione con la primogenita di Johnny Depp, la giovane attrice emergente Lily-Rose Depp.

Vedi qui le nostre interviste video a Timothée Chalamet e Lily-Rose Depp per Il Re, il film Netflix

2. Timothée Chalamet e le sue passioni: dal calcio alla musica

Elio (Timothée Chalamet) e Oliver (Armie Hammer) nella scena in cui il ragazzo suona il pianoforte.

Con Lily-Rose ha in comune anche le origini, perché come la sua attuale fidanzata, anche Timothée è per metà statunitense e metà francese e proprio come la giovane Depp parla sia l’inglese che il francese. L’attore ha trascorso parte della sua vita in Francia, dove iniziò ad allenarsi in una squadra di calcio infantile. Uno dei suoi primi sogni era infatti quello di diventare un calciatore, una passione mai diventata lavoro, considerato che il suo talento lo ha spinto verso le telecamere del cinema. Da artista poliedrico qual è, Timothée è anche un bravissimo musicista, suona infatti il pianoforte e da due anni circa anche la chitarra. Ai tempi della scuola era solito dedicarsi al rap, utile anche per i suoi studi scolastici. L’attore infatti ha raccontato che una volta a scuola aveva proposto una presentazione di statistica a ritmo di rap, scatenando – come prevedibile – l’ira del professore.

Ma la domanda iniziale torna prepotente: come mai un giovane così apparentemente semplice come Timothée Chalamet abbia trovato così tanto successo? Il successo di Chalamet non deve stupire il pubblico. A guardarlo, il giovane attore rappresenta il tipico ragazzo della porta accanto, uno di quelli che ti fa tenerezza per la sua estrema dolcezza. Ogni ragazzo della porta accanto che si rispetti, però, ti sorprende quando dimostra – nel momento più inaspettato – di che pasta è fatto. Timothée era dietro le quinte, lavorando e aspettando che qualcuno notasse quanto fosse bravo. Nel momento in cui questo è accaduto, nel momento in cui viene notato, ha dimostrato a chi ha riposto la propria fiducia in lui che non si sbagliava e che era davvero bravo in quello che faceva, che la sua non era semplice passione, ma era fuoco vivo che ardeva e lo rendeva speciale.

1. Perché il successo di Timothée Chalamet è destinato ad aumentare?

La sua interpretazione in Chiamami col tuo nome è stata magnifica, perché Timothée incarna perfettamente il sentimento del suo personaggio, crescendo insieme a lui e vivendo appieno le sensazioni di Elio. È proprio l’empatia che l’attore prova con i suoi personaggi a renderlo così speciale rispetto ai tanti attori della sua età. Conquista tutti con il suo  modo semplice di apparire in scena, così come un giovane fanciullo della Grecia antica: esile, puro, i cui gesti e le cui movenze appaiono prive di malizia.

Con il suo vispo sguardo non solo ha conquistato il pubblico, ma anche la rosa degli attori e registi hollywoodiani, che non hanno esitato nello spendere qualche bella parola su di lui. Matthew McConaughey ad esempio lo ammira, mentre la regista Greta Gerwing lo vede come il perfetto connubio tra un giovane Christian Bale e un giovane Daniel Day-Lewis, completando il quadro con un pizzico di talento di un giovane Leonardo DiCaprio. Timothée però è anche più di questo: è una giovane stella, che ormai illumina il grande firmamento hollywoodiano. Una luce destinata a diventare sempre più intensa, perché in lui, in Timothée Chalamet c’è sete di sapere, di imparare, voglia di stare in scena. I suoi occhi ardono di determinazione, quella sana ambizione che distingue i migliori talenti dagli altri. Ecco perché Timothée è destinato a mostrare ancora e ancora il suo volto sul piccolo e sul grande schermo ed ecco perché noi saremo ben lieti di goderci ancora le sue prossime performance, gustando e assaporando il suo talento.