Martin Scorsese ha accettato di realizzare The Irishman per Netflix a patto che il film arrivasse nelle sale, ma ora Variety insinua il dubbio sulle reali intenzioni della compagnia.

Quest’ultima era subentrata a finanziare The Irishman dopo il passo indietro di Paramount, spaventata dal budget imponente necessario per coinvolgere star quali Robert De Niro, Al Pacino, Joe Pesci e Harvey Keitel; la spesa sarebbe risultata ancor più importante dalla volontà di Martin Scorsese di usare la CGI per ringiovanire alcuni degli interpreti. Ecco dunque subentrare Netflix, facendo la felicità degli estimatori del regista, ma a quanto pare la società non è ancora certa di distribuire il titolo sul grande schermo; il manager pubblicitario Julie Fontaine ha spiegato alla testata come sia “prematuro” affermare qualcosa di concreto sui piani riguardanti la distribuzione di The Irishman, il cui budget dovrebbe aggirarsi attorno ai 125 milioni di dollari.

Martin Scorsese continua comunque a dare il massimo sul set, con le riprese ancora in corso. The Irishman racconterà la storia di Frank “l’irlandese” Sheeran (De Niro), famigerato sicario sospettato di aver giocato un ruolo nella scomparsa e nell’omicidio di Jimmy Hoffa (Pacino), fondatore della International Brotherhood of Teamsters. Il film è tratto dal romanzo I Heard You Paint Houses, firmato da Charles Brandt.

The Irishman dovrebbe debuttare nel 2019. Il cast comprende anche Anna Paquin, Domenick LombardozziJeremy LukeJoseph Russo e Jack Huston. L’ultimo film di Martin Scorsese, Silence, risale al 2016.