Bohemian Rhapsody: Bryan Singer ferma la produzione

A causa di quelli che sono stati definiti "problemi di salute", Bryan Singer ha fermato la produzione di Bohemian Rhapsody il biopic su Freddie Mercury

La produzione di Bohemian Rhapsody, l’imminente film biografico sul frontman dei Queen Freddie Mercury con Rami Malek, è stata sospesa in modo che il regista e produttore Bryan Singer, 52 anni, possa occuparsi di ciò che il suo rappresentante ha descritto come “una questione di salute personale”, ha riportato BBC News.

Nella sua stessa dichiarazione, il distributore 20th Century Fox non ha fatto alcun riferimento alla salute di Singer, affermando: “La Twentieth Century Fox Film ha interrotto temporaneamente la produzione di Bohemian Rhapsody a causa dell’inaspettata indisponibilità di Bryan Singer“. Anche se la data di uscita del film è prevista per dicembre 2018, lo studio non ha offerto alcuna tempistica sul suo ritorno.

Tuttavia, il rappresentante di Singer ha detto alla BBC che c’era in ballo “una questione di salute personale riguardante Bryan e la sua famiglia”, e ha aggiunto questa affermazione: “Bryan spera di tornare al lavoro subito dopo le vacanze”. Secondo la fonte, “si ritiene che sia Singer sia un familiare soffrano di problemi di salute di natura sconosciuta”.

Bohemian Rhapsody segue i Queen dalla nascita della band nel 1970 fino alla loro performance del 1985 al Live Aid. Robert De Niro è un produttore del progetto, che è in sviluppo dal 2010, così come gli ex compagni della band di Mercury, Brian May e Roger Taylor. Nato Farrokh Bulsara in quella che oggi è la Tanzania, Mercury morì per complicazioni dovute all’AIDS nel 1991, all’età di 45 anni.

Con l’atmosfera tesa che circonda le molestie sessuali a Hollywood, la sua brusca partenza potrebbe causare sospetti in base alle precedenti accuse rivolte a Singer. Nel 1997, una comparsa di 14 anni nel film di Singer L’allievo aveva sostenuto che Singer aveva chiesto a lui e ai suoi coetanei di spogliarsi completamente per girare una scena nella doccia; un giudice ha respinto il caso, adducendo prove insufficienti. Nell’aprile 2014, l’ex bambino attore Michael Egan (che era apparso nel documentario An Open Secret) affermò che Singer lo aveva drogato e violentato alle Hawaii nel 1999. Gli avvocati di Egan presto lo abbandonarono come cliente, convinti che l’uomo avesse falsificato la sua testimonianza. La causa fu ritirata.

Poi, nel maggio 2014, Bryan Singer fu accusato di aver picchiato un 17enne all’afterparty di Londra del suo film Superman Returns, in modo che potesse tentare di violentarlo sotto lo sguardo del produttore Gary Goddard. Tale causa è stata respinta due mesi dopo, su richiesta dell’accusatore. Il 1 novembre 2017, l’utente di Twitter Justin Smith ha pubblicato una serie di tweet ora cancellati sull’incontro con Singer nel 2000, quando aveva presenziato a feste a base di droga e quello che è stato definito un “harem di ragazzi”. Entro una settimana, Singer ha disattivato il suo account Twitter.

Il 3 novembre, Jessica Chastain – co-protagonista del film X-Men: Dark Phoenix del prossimo anno – ha twittato un articolo che incriminava Bryan Singer, che è uno dei produttori del film:

Articoli correlati