Maurizio Merluzzo cinematographe.it

È un ragazzone biondo con un fisico da vichingo e il faccione buono da Carlo Verdone d’annata Maurizio Merluzzo. Voce cangiante e plasmabilissima la sua, ha doppiato anime come Naruto, dov’era Sai, il nuovo classico Halo 4: Forward Unto Dawn dove impersonava il personaggio Cadmon Lasky, ma lo abbiamo sentito anche in film come l’autoriale ungherese candidato all’Oscar Corpo e anima, nell’horror Leatherface e nella commedia 2 giorni a New York. In quest’ultimo titolo prestava la voce a Vincent Gallo.

Nel frattempo è diventato famoso anche in video scatenandosi su YouTube in ridoppiaggi parodia di trailer dedicati ai blockbuster in sala. Con forte predilezione verso il fantasy, l’action e i cinecomic è diventato uno degli youtuber più acclamati, ma soprattutto più interessanti e a nostro avviso più esportabili dalla freccetta rossa al grande schermo. Con lui abbiamo parlato anche del suo primo ruolo da protagonista. Doppia infatti Shazam! alias Zachary Levi in questo nuovo tassello del cinematic universe targato DC Comics e Warner Bros.; è uno spirito libero Merluzzo, e soprattutto comico. Una grande ritmica mentale orientata alla battuta e al gioco di parole che durante l’intervista ci ha fatto ridere spesso insieme a lui.

Shazam! – Intervista con la voce Maurizio Merluzzo: vita, doppiaggio e parodia

Leggi anche Shazam! – tutti gli easter egg del film DC

Come nasce il doppiatore Maurizio Merluzzo?

“Il doppiatore Maurizio Merluzzo nasce quando Maurizio Merluzzo aveva 7 anni. Guardando una puntata del Mistero della Pietra Azzurra si è accorto che il doppiatore del protagonista era la stessa voce di quello che presentava Ciao Ciao Mattina, ovvero Davide Garbolino all’epoca. Quindi realizzai che c’erano le persone, c’era qualcuno che dava la voce ai cartoni animati! Così mi sono detto: ‘Anch’io da grande voglio essere la voce dei cartoni animati!’ E da lì mi è rimasta questa cosa. Poi crescendo, leggendo, informandomi, mi è cresciuta questa passione per il doppiaggio finché non ho capito qual era il percorso per arrivarci e l’ho intrapreso”.

Nei quadri di Dalì tre elementi ricorrenti erano il fagiolo, la stampella e l’orologio. Per Merluzzo, oltre a sé stesso, viste le tante autocitazioni, anche Busto Arsizio e i dildo. Come te la spieghi questa cosa?

“Allora, autocitazioni, è vero! Invece Busto Arsizio è un luogo che mi è sempre piaciuto pur non essendoci mai stato. Ma ha un nome meraviglioso, e più che altro mi piace il busto. Mentre per il dildo, dipende quale modello. Il mio preferito è Dildo Baggins”.

Maurizio Merluzzo cinematographe.it

Maurizio Merluzzo: “Shazam! mi ha dato molta libertà e mi sono divertito molto”

Il personaggio di Shazam si avvicina molto alla tua giocosità al microfono. C’è un quattordicenne anche dentro di te e non lo sapevamo?

“Ma, non lo so, non credo sia così grande. Anche meno di 14 anni secondo me! Shazam mi ha dato grande libertà al microfono. Devo dire che il direttore di doppiaggio Carlo Cosolo mi ha guidato sapientemente riuscendo a farmi tirare fuori tutte le sfumature necessarie, l’attore Zachary Levi ha tantissimi cambi vocali. Va da una voce bassa fino agli acuti da caratterizzazione. Perciò mi ha dato la possibilità di sfruttare il mio range vocale quasi al 100%”.

Shazam! – Tutti i riferimenti del film all’Universo DC

E proprio su Zachary Levi, quali sono state le difficoltà, o anche le sorprese che ti ha dato l’attore interpretandolo?

“Prima di doppiarlo in Shazam! gli avevo già prestato la voce in una serie che s’intitola La fantastica signora Maisel dove interpreta un personaggio molto diverso da Shazam. È molto bravo, è comico, ritmico però ha la stessa età del personaggio: tra i 35 e i 40 anni. Doppiarlo invece con la mentalità di un quattordicenne per me ha significato confrontarmi di più con la sua voce perché mi sono dovuto mentalmente ringiovanire. Per fortuna che in quel senso, come ti dicevo, ho anche meno di 14 anni! Quindi mi sono divertito molto, ed è stato bello”.

Invece quando ridoppi i trailer su YouTube, sono tuoi anche i testi e le idee intorno alle caratterizzazioni?

“Sono quasi del tutto improvvisate. E poi faccio tutto da solo. Tant’è che improvvisando poi mi dimentico tutto quello che ho fatto. Quando mi citano battute dai trailer rifacendomi il verso io cado sempre dalle nuvole. Pensa che non mi scrivo neanche nulla. Nemmeno i canovacci, ma vado a braccio. Mi lascio condurre dalle immagini, le situazioni e libero la mia fantasia”.

Maurizio Merluzzo: “Amo i film anni ’80, ma non potrei mai ridoppiarli”.

Ci sono vecchi film o grandi attori che sogni di ridoppiare non in parodia ma sul serio?

“Se mi parli di vecchi film io sono un grande amante del cinema action degli anni ’80 e ’90. Ti dico solo che il mio film preferito è Demolition Man, quindi ti lascio immaginare. Se mi chiedessi ‘ti piacerebbe doppiare qualcosa?’ ti saprei rispondere, ma se mi dici ‘ti piacerebbe ri-doppiare qualcosa’ beh, non saprei. Perché quando ami qualcosa lo fai nella sua interezza, ma ridoppiarlo mi farebbe perdere la magia. Se io ridoppiassi il mio film preferito con la mia voce mi sentirei troppo partecipe del progetto. Quindi non saprei affezionarmi da spettatore, da fan”.

Shazam!: le differenze tra i fumetti e il film con Zachary Levi

Il personaggio più strano o la caratterizzazione più improbabile in cui ti sei cimentato?

“Avendo la voce abbastanza piena, mi assegnano sempre personaggi belli carichi. Energumeni, supereroi, vichinghi, demoni, tutta gente di un certo spessore. Mi ricordo che una volta a un direttore chiesi: ‘Ti prego, per favore, io amo fare i caratteri, i personaggi con caratterizzazioni. Fammi fare qualcosa del genere’. Così mi chiamò per fare il provino per questo prescolare per ragazzi con burattini, i Pigianimali. Erano un cane un cavallo, un papero e una mucca, tutti pupazzi in pigiama. Io provai il papero Quacky, che aveva questa vocetta stridula che mi fece vincere il provino. Ero contentissimo perché finalmente non era tra le solite cose che mi assegnavano. Diciamo che Quacky è stato la mia valvola di sfogo in questo senso!”.

Zachary Levi e Shazam! – 10 differenze tra l’attore e l’eroe DC

La voce ce l’hai, il video lo buchi, e al phisique du role rispondi presente. Ma una bella commedia al cinema no?

“Ma magari. In realtà c’è un mio film, quello di Cotto & Frullato, la web serie che facevo su YouTube. Invece ora sono molto più concentrato sul mio canale personale che siamo riusciti a realizzare, io e il mio staff, grazie al crowdfunding che abbiamo fatto 2 anni fa. Il film è andato in sala in 15 date dove sono stato sempre presente con i ragazzi dello staff e poi è andato in home video. Un’autoproduzione c’è, ma sarebbe bello far parte di un vero e proprio film come attore”.

Magari in un nuovo cinepanettone brillante e meno sboccato.

“Meglio ancora in un cinepandoro. Sì dai, tanto il periodo è lo stesso!”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

Scopri il nostro Shop Online