wonder woman 2 gal gadot brett ratner

Dopo le accuse di molestie a Brett Ratner, Wonder Woman 2 avrebbe rischiato di non vedere nuovamente Gal Gadot protagonista nel caso il produttore fosse tornato a lavorare al sequel.

Negli ultimi giorni si è discusso molto su tale eventualità, con la stessa Warner Bros. che si è esposta a riguardo, ma ora la star israeliana svela che la società aveva deciso di rimuovere Brett Ratner da Wonder Woman 2 ancor prima che Internet impazzisse alle dichiarazioni di Gal Gadot. Ospite di Today, il volto dell’Amazzone ha spiegato parlando a Savannah Guthrie:

“Alla fine, è stato scritto moltissimo a proposito delle mie opinioni e di cosa provassi, e tutti sanno come mi sento perché non nascondo nulla. Ma la verità è che ci sono così tante persone coinvolte nella realizzazione di questo film e tutte riflettono le stesse opinioni, Tutti sapevano quale fosse la cosa giusta da fare. Ma non c’è stato bisogno che arrivassi io a dire la mia, perché era stato già fatto prima che quell’articolo venisse pubblicato.”

Brett Ratner aveva co-finanziato il primo cinecomic di Patty Jenkins con la sua Rat Pac Dune, ma la compagnia non parteciperà alla produzione di Wonder Woman 2. Il film, inizialmente fissato al 13 dicembre 2019, è stato anticipato al 1° novembre dello stesso anno, salvandolo dalla competizione diretta con Star Wars: Episodio IX. La regia del sequel sarà nuovamente nelle mani della Jenkins, che con il contratto firmato è diventata la regista più pagata di sempre; Gal Gadot, intanto, riprenderà i panni di Wonder Woman in Justice League, nelle sale italiane dal 16 novembre.

[amazon_link asins=’B072LZZTR9,B075XNTZ5J,B01FRP3PD6,B00O8T9POQ,B01MUAEH5O,B01H1QWA6C,B01DBR812W’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ed2504ec-ca2b-11e7-956a-0bec4a268985′]