suicide squad, cinematographe.it

Non sarà lui a dirigere il sequel di Suicide Squad, ma David Ayer sembra ancora molto legato alla banda di villain DC, come mostrano i suoi tweet in cui condivide alcuni camera test con Jared Leto e Margot Robbie

Suicide Squad non è stato il film che molti fan si aspettavano e, sebbene un discreto risultato al botteghino, è a oggi ritenuto un mezzo fallimento. C’è chi di questo incolpa soprattutto il regista David Ayer, il quale però ricorda sempre con affetto la sua esperienza sul set del cinecomic DC e, di recente, ha voluto fare un regalo agli estimatori del film condividendo le immagini di alcune iniziali prove di trucco.

In due immagini, possiamo vedere Jared Leto e Margot Robbie indossare il make-up, rispettivamente nei panni di Joker e Harley Quinn, che appaiono già molto vicini alle versioni definitive che sarebbero poi finite in Suicide Squad. Ayer ha anche condiviso la prima stampa 3D della maschera di Deadshot, interpretato da Will Smith, spiegando come realizzare simili oggetti richieda passaggi molto lunghi.

Leggi anche: James Gunn rivela un personaggio di The Suicide Squad con una torta

È un peccato che un film con tanto potenziale non sia riuscito a fare centro, ma ora la palla è passata nelle mani di James Gunn, il quale dirigerà il sequel, intitolato The Suicide Squad. Riguardo al progetto, non sappiamo se Jared Leto sarà nuovamente presente nei panni del Joker, mentre è ormai certo che Will Smith non riprenderà il ruolo di Deadshot. Inizialmente, Idris Elba era stato ingaggiato per sostituirlo, ma alla fine l’attore ha preferito unirsi al cinecomic in un altro ruolo. L’unico ritorno certo sembra essere quello di Margot Robbie, che intanto tornerà a interpretare la folle criminale in Birds of Prey (and the Fantabulous Emancipation of One Harley Quinn).

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto