Halloween 2018: il produttore spiega perché non è un reboot

Jason Blum preferisce sostituire il termine commerciale "reboot" con "reinvenzione" per il suo prossimo Halloween.

Da leggere

L’avete riconosciuto? Ha fatto utilizzo di stupefacenti, è stato tormentato da uno psicopatico e sua sorella ha tentato più volte il suicidio

Il ragazzo in fotografia è ad oggi uno dei personaggi del mondo dello spettacolo più amati. Per chi non...

Batwoman stagione 2: online un nuovo e sensazionale poster!

La stagione in corso di Batwoman, la seconda, ha già mostrato tante novità rispetto alla prima, interpretata da Ruby...

Spider-Man deepfake: Tom Holland diventa Tobey Maguire! [VIDEO]

Tom Holland è stato recentemente "trasportato" nel mondo si Spider-Man creato da Sam Raimi Spider-Man è certamente uno di quei...

Il produttore di Halloween 2018 Jason Blum non considera il prossimo film un reboot. Ecco perché

Il primo film di Halloween è diventato un immeditato classico dopo la sua uscita nel 1978, con la regia mozzafiato e la musica del regista John Carpenter, e la performance di Jamie Lee Curtis. Non a caso, seguirono dei sequel a causa del grande successo dell’originale – incluse altre tre apparizioni di Curtis nei panni dell’eroina Laurie Strode.

Mentre il franchise sembrava essere volto al termine nel 2002 con la Curtis nell’ottavo film della serie di Halloween, lo sceneggiatore e regista Rob Zombie diede il via al lancio del franchise nel 2007 con il suo brutalmente violento remake di Halloween. Un sequel uscito nel 2009, ma poiché nessuno dei due film fu un successo finanziario, il franchise rimase in quiescenza ancora per quasi un decennio fino a uno sviluppo sorprendente lo scorso settembre, quando il regista David Gordon Green annuncio che Jamie Lee Curtis avrebbe ripreso il suo ruolo di Laurie Strode per un nuovo sequel di Halloween. Ora, con l’uscita del film a meno di quattro mesi di distanza, l’eccitazione per il ritorno della Laurie e dello iconico slasher Michael Meyers vede i fan pieni di aspettative.

Una delle cose principali che Blum vuole ribadire ai fan del franchise è che il nuovo film di Halloween non è un reboot. In un’intervista a Variety sul film, Blum, il prolifico produttore di film horror dietro a successi come Get Out e Split, ha detto che il mix di talenti coinvolti con il nuovo Halloween sfida l’etichetta di reboot. Ha detto:

Il modo per attirare la gente è fare un reboot. Il termine mi fa rizzare i capelli in testa, quello che stiamo facendo con Halloween è, suppongo, userò il termine “reinvenzione”. Il reboot sembra un prodotto così aziendale. Il modo in cui abbiamo approcciato Halloween è stato quello di andare dinietro a quello che abbiamo fatto con molti altri film: David Gordon Green e Danny McBride non sono noti per l’horror, Jordan Peele non era conosciuto per l’horror prima di Get Out, quindi penso che abbiamo avuto molto successo mescolando generi di persone – non il film – il film è un film diretto e spaventoso, quindi penso che abbiamo una voce molto originale con David Gordon Green e Danny, e avere Jamie Lee Curtis e John Carpenter nel mix per me è stato l’inizio.

Con la produzione del film in via di completamento, Blum ha aggiunto di essere soddisfatto di come è stato realizzato. Ha aggiunto:

Sono grato per come abbiamo portato nuove voci e le voci originali di nuovo insieme in un modo strategico per rendere quello che penso sia un film fantastico. I fan dovranno dirmi se lo pensano anche loro, ma penso che saranno molto felici.

Halloween: tre arresti per il violento rapimento di due attori del franchise

Jamie Lee Curtis sembra certamente entusiasta della reinvenzione di Halloween, poiché è stata impegnata sui social media per aggiornare i fan sullo stato di avanzamento del film durante la produzione e sarà presente al suo prossimo panel al Comic-Con di San Diego alla fine di questo mese. E mentre i fan dovranno aspettare di vedere più filmati oltre al primo trailer di Halloween, dalla produzione stanno emergendo dettagli su come il nuovo sequel ignorerà il sequel del film originale, rivelando che Laurie e Michael Myers non erano in realtà fratelli.

Già solo questo sviluppo mostra come Blum, Green e McBride siano disposti a scuotere le cose. E con il coinvolgimento di Carpenter e Curtis, sono anche determinati a raddrizzare la nave dalla direzione ribelle che la serie di film ha preso dopo l’originale del 1978. Se i fan vogliono ancora chiamare Halloween 2018 un “reboot” o usare il termine “reinvenzione” di Blum, la scelta sta a loro, ma non c’è dubbio che c’è in serbo una nuova esperienza, per quando Michael Myers tornerà a casa a ottobre.

Ultime notizie

L’avete riconosciuto? Ha fatto utilizzo di stupefacenti, è stato tormentato da uno psicopatico e sua sorella ha tentato più volte il suicidio

Il ragazzo in fotografia è ad oggi uno dei personaggi del mondo dello spettacolo più amati. Per chi non...

Articoli correlati