Guardiani della Galassia Vol. 3 Cinematographe

Nei mesi successivi al licenziamento di James Gunn dalla regia di Guardiani della Galassia Vol. 3, i fan sono stati curiosi di sapere come i Marvel Studios avrebbero portato avanti il progetto

Mentre il presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, ha confermato che la sceneggiatura di James Gunn sarebbe stata ancora utilizzata per il sequel, ha anche ammesso che il film non è la priorità attuale dello studio.

Voglio dire, quando è stato respinto, è stato respinto“, ha condiviso Feige con Collider. “Volendo intendere che la nuova data di rilascio, che non sta uscendo, anche se in realtà non ne abbiamo mai annunciata una, sarebbe stata annunciata al più presto, inizialmente, ovviamente. Al di fuori del sapere che useremo la bozza di [James Gunn], [ci siamo] concentrati su altri progetti“.

James Gunn ha diretto i primi due film della saga ed è stato assegnato per dirigere il terzo, per un’uscita nel 2020, sebbene quando le battute oscene fatte all’inizio della sua carriera sono emerse sui social media, la Disney si è separata dal regista per evitare polemiche. Ma la carriera del regista è lungi dall’essere conclusa, poiché è stato contattato per scrivere e potenzialmente dirigere il sequel The Suicide Squad per il DC Extended Universe.

Guardiani della Galassia Vol.3: Kevin Feige conferma lo script di Gunn

La Disney non ha ancora trovato un sostituto per Gunn, anche se non saremmo sorpresi se Guardiani della Galassia Vol. 3 fosse più un reboot che una continuazione dei primi due film. Come molti altri team di supereroi della Marvel, vari eroi sono stati membri dei Guardiani della Galassia, quindi questa potrebbe essere l’occasione per reinventare il concetto in qualche modo.

A complicare le cose sono i frequenti commenti della star dei Guardiani Dave Bautista, che esprime regolarmente le sue frustrazioni con le decisioni della Disney, ma non ha ufficialmente denunciato il Marvel Cinematic Universe, forse per non complicare il suo contratto e il suo impegno nei confronti del franchise.

C’è un piccolo processo nella corte dell’opinione pubblica“, il cast ha condiviso in una dichiarazione congiunta dopo il licenziamento di Gunn. “Probabilmente James non è l’ultima brava persona a essere processata: visto il crescente divario politico in questo paese, possiamo dire con certezza che continueranno a vedere casi come questo, anche se speriamo che i rappresentanti di tutto lo spettro politico possano alleviare gli omicidi dei personaggi e smetti di armare la mentalità della folla“.

La nostra speranza è che ciò che è emerso possa servire da esempio per tutti noi per renderci conto dell’enorme responsabilità che abbiamo per noi stessi e per l’altro riguardo all’uso delle nostre parole scritte quando le incidiamo nella pietra digitale“, ha continuato. “Che noi come società possiamo imparare da questa esperienza e in futuro ci penseremo due volte prima di decidere cosa vogliamo esprimere, e in tal modo forse possiamo imparare a sviluppare la capacità di aiutare e guarire invece di ferirci a vicenda“.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE