Blade Runner 2049: Villeneuve spiega perché Hans Zimmer ha sostituito Johannsson

Denise Villeneuve ha spiegato perché Hans Zimmer ha sostituito Johannsson per la colonna sonora del sequel del cult sci-fi di Ridley Scott

Mentre è impegnato nel tour promozionale di Blade Runner 2049, il direttore Denis Villeneuve ha discusso sul perché il compositore originale Johann Johannsson sia stato eliminato dal film. È stato rivelato che Johann Johannsson ha lasciato il progetto perché i registi hanno voluto che il film avesse una colonna sonora simile a quella di Vangelis del Blade Runner originale. Per fare ciò, i compositori ambiti Hans Zimmer e Benjamin Wallfisch sono stati portati per echeggiare le sonorità del primo film.

La colonna sonora di Vangelis per Blade Runner è considerato da molti come una delle soundtrack migliori della storia del cinema, per cui avrebbe senso cercare di avvicinare il più possibile le sonorità del sequel a tale modello. Villeneuve, appassionato dell’originale Blade Runner, ha discusso dettagliatamente il motivo per cui Johannsson ha lasciato il film quando ha parlato con Al Arabiya:

“La cosa che dirò è che fare film è un laboratorio. È un processo artistico. Non puoi pianificare le cose. Jóhann Jóhannsson è uno dei miei compositori preferiti viventi. È un artista molto in gamba. Ma il film aveva bisogno di qualcosa di diverso e avevo bisogno di tornare a qualcosa di più vicino a Vangelis. Johan e io abbiamo deciso che dovevamo prendere direzioni differenti, tutto qui. Spero di avere la possibilità di lavorare nuovamente con lui perché penso sia davvero un fantastico compositore “.

Johannsson e Villeneuve hanno collaborato in precedenza a Prisoners, Sicario e Arrival. Sicuramente è uno dei migliori compositori che lavorano oggi. Sapendo che Villeneuve ha collaborato con alcuni dei migliori del settore, incluso il direttore della fotografia Roger Deakins, per creare Blade Runner 2049, ha senso che Johannsson fosse sostituito dai veterani dell’industria Hans Zimmer e Benjamin Wallfisch.

Ultime notizie

Ero in guerra ma non lo sapevo: recensione del film di Fabio Resinaro

Ero in guerra ma non lo sapevo racconta gli ultimi giorni di vita del gioielliere Pierluigi Torregiani, ucciso il...

Articoli correlati