Liam Neeson veste i panni di Mark Felt alias Gola Profonda nel trailer italiano di The Silent Man, che arriverà in Italia grazie a BiM Distribuzione

Scritto e diretto da Peter Landesman (Zona d’ombra), The Silent Man segna il ritorno di Liam Neeson a intensi ruoli drammatici dopo la fortunata scia di action, momentaneamente messa alle spalle dopo il recente L’uomo sul treno. Nel nuovo film, l’attore irlandese interpreta Mark Felt, fedele agente dell’FBI durante l’amministrazione di J. Edgar Hoover che finì per diventare la fonte principale della fuga di notizie che avrebbe poi consentito a Bob Woodward e Carl Bernstein del Washington Post di portare alla luce lo scandalo Watergate.

Nel trailer italiano di The Silent Man vediamo Neeson spiegare al personaggio interpretato da Bruce Greenwood (Il gioco di Gerald) il modo in cui minare la stabilità della Casa Bianca; con la fuga di notizie in atto, sulle tracce della spia troveremo l’agente Pat Gray, a cui dà volto Marton Csokas (xXx). Alla fine del promo, appaiono anche alcune delle critiche positive al film, definito “avvincente” e “da non perdere.”

The Silent Man (QUI i poster e QUI una clip) è co-prodotto da Scott Free, MadRiver Pictures, Endurance Media, Torridon Films e Riverstone Pictures. Tra i produttori abbiamo Ridley Scott, Giannina Scott, Marc Butan, Anthony Katagas, Steve Richards, Jay Roach e lo stesso Peter Landesman. A vestire i panni di produttori esecutivi troviamo invece Yale Badik, Des Carey, Colin Wilson, Peter Guber, Jeffrey Vinik, Nik Bower, Deepak Nayar e Michael Schaefer. Oltre ai nomi citati, il cast è composto da Diane Lane, Josh Lucas, Tony Goldwyn, Michael C. Hall, Tom Sizemore, Wendi McLendon-Covey, Ike Barinholtz, Brian D’Arcy James, Kate Walsh, Noah Wyle, Julian MorrisMaika Monroe. L’uscita nelle sale italiane è fissata al 12 aprile.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto