I segreti di Wind River cinematographe.it

Nella fredda e cruda riserva indiana di Wind River, nel selvaggio Wyoming, viene ritrovato il cadavere di una ragazza stuprata. Ad indagare viene inviata una giovane agente dell’FBI, Jane (Elizabeth Olsen), che decide di avvalersi dell’aiuto di un esperto cacciatore di predatori del posto, Cory (Jeremy Renner). I segreti di Wind River è un film scritto e diretto da Taylor Sheridan. All’inizio del film troviamo scritto che si ispira a degli eventi realmente accaduti: di cosa si tratta?

Leggi anche: I segreti di Wind River: trailer italiano ufficiale del film

I segreti di Wind River cinematographe.it

Prima dei titoli di coda de I segreti di Wind River, troviamo delle scritte che ci raccontano di quanta poca informazione ci sia sui casi di sparizione di native americane: tutti i casi di sparizioni sono registrati, ma non quelli relativi alle donne indiane. La storia vera dietro al film di Taylor Sheridan non è quindi un evento specifico, ma più un contesto sociale a cui il regista ha voluto sensibilizzare il pubblico. Nella riserva di Wind River, in particolare, risulta essere alto il tasso di criminalità giovanile, spesso legato all’abuso di alcool. Nell’area è inoltre nota la tendenza all’uso della metanfetamina. Un caso che assomiglia a quanto narrato nella pellicola di Sheridan è quello relativo al ritrovamento dei cadaveri di tre ragazze americane trovate in una casa a Beaver Creek.

Le tre giovani, di età compresa tra i 13 e i 15 anni, risultavano in overdose di metadone, antidolorifico usato per disintossicare dall’eroina. Dal momento che non si riusciva a ricostruire chi avesse fornito loro questa sostanza e il distretto di polizia di Wind River è molto piccolo, fu richiesto l’intervento dell’FBI a capo delle indagini. Alla fine furono arrestati due ragazzi, di cui uno confessò di aver dato loro il metadone che usava sua nonna, sostenendo che le ragazze fossero già palesemente sotto l’effetto della droga e di averle volute aiutare.

Leggi anche: TFF35 – Wind River: recensione del film con Jeremy Renner

I segreti di Wind River cinematographe.it

Il Wyoming è lo Stato meno popolato degli USA, con circa 2 abitanti per chilometro cubo. Situato tra i 1000 e i 4000 m sul livello del mare, quello che possiamo considerare un grosso altopiano ha un clima relativamente secco e continentale rispetto al resto della Nazione, con estati calde, caratterizzate però da una forte escursione termica tra giorno (25°-30°) e notte (10°-16°), e inverni con temperature che possono raggiungere e superare la decina di gradi sotto lo zero. Un contesto in cui la natura pare continuare ad essere predominante rispetto all’attività e alla potenza umana.

Ne I segreti di Wind River, il cacciatore di predatori Cory Lambert ritrova nella neve il cadavere di una ragazza, figlia di un suo amico. Ad indagare sul caso viene chiamata una giovane agente dell’FBI, Jane Banner. Dal momento che, dall’autopsia, si scopre che la giovane è stata stuprata e morta per il freddo dopo essere scappata, non trattandosi di un caso di omicidio l’FBI non invia una squadra di supporto, e Jane deve portare avanti le indagini da sola, avvalendosi dell’aiuto di Cory: anche la figlia di lui, anni prima, era morta in modo simile. Attraverso un viaggio nel crudo mondo della criminalità e tossicodipendenza degli abitanti della riserva, i due riescono a ricostruire le vicende.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto