The Hurt Locker - Cinematographe.it

The Hurt Locker è un film drammatico del 2008 diretto da Kathryn Bigelow (Point Break) con protagonisti Jeremy RennerAnthony Mackie e Brian Geraghty.

The Hurt Locker - Cinematographe.it

The Hurt Locker è un intenso ritratto di soldati d’élite che fanno uno dei lavori più pericolosi al mondo: quello di scovare e disinnescare le bombe. A Baghdad, le bombe sul ciglio della strada sono un pericolo comune. L’esercito sta lavorando per rendere la città un posto più sicuro per gli americani e gli iracheni, quindi quando si tratta di smantellare gli IED (ordigni esplosivi improvvisati), l’equipaggio di Explosive Ordnance Disposal (EOD) è sempre in pronto. Ma proteggere la gente non è facile quando e non c’è assolutamente spazio per gli errori, e ogni secondo speso per disinnescare una bomba è un altro secondo trascorso flirtare con la morte.

In questo contesto James (Jeremy Renner), assume una squadra altamente addestrata per lo smaltimento di bombe in mezzo a violenti conflitti, sorprende i suoi due subordinati, Sanborn ed Eldridge, facendoli precipitare immancabilmente in un letale gioco di combattimento urbano, comportandosi come se fosse indifferente alla morte. Mentre gli uomini lottano per controllare il loro nuovo e selvaggio leader, in città esplode nel caos, e il vero personaggio di James si rivela in un modo diverso che cambierà per sempre ognuno di loro.

The Hurt Locker: dove è stato girato il film?

The Hurt Locker - Cinematographe.it

Basato sulle personali esperienze di guerra del giornalista Mark Boal, il thriller d’azione ambientato in Iraq, presenta il conflitto in Medio Oriente dalla prospettiva di coloro che hanno assistito al combattimento in prima persona – i soldati. La pellicola diretta da Kathryn Bigelow è stata girata ad Amman: The Hurt Locker non è un film iracheno – è un film di guerra, le cui riprese sono iniziate nel luglio 2007 in Giordania e Kuwait.

Il produttore Greg Shapiro dice che è stato interessante dire alla gente che stava per essere girato un film in Giordania perché la prima domanda che tutti si poneva riguardava – ovviamente – la situazione della sicurezza qui. Spesso quattro o più troupe cinematografiche hanno filmato contemporaneamente, il che ha comportato quasi 200 ore di riprese. Molti registi registi hanno cercato location in Marocco, mentre la Bigelow ha cercato maggiore autenticità per il suo film ed è per questo che ha deciso di girare in Giordania, proprio per la sua vicinanza all’Iraq. Alcune delle località erano a meno di tre miglia dal confine iracheno. Le riprese di Hurt Locker sono durate complessivamente 45 giorni con temperature altissime e il 100% di umidità.

Cosa mangiare ad Amman?

Amman, in Giordania, è un luogo ricco di storia e tradizioni. Se pianificate un viaggio da queste parti, vi consigliamo alcuni piatti da assaggiare assolutamente. Partiamo col dirvi che si tratta di una cucina tipicamente beduina, che conserva quindi metodi di cottura che nella nostra società non si usano praticamente più. Il momento del pasto è dedicato alla convivialità, quindi in questi paesi gode di un’importanza molto particolare. Il primo piatto che consigliamo è il Mansaf

The Hurt Locker - Cinematographe.it

Piatto nazionale giordano a base di riso, agnello e yogurt il mansaf è la pietanza per eccellenza. Cotto su piastra il tutto viene insaporito da prezzemolo, pinoli e un mix di spezie: viene mangiato con le mani (in particolare quella destra) e rappresenta il pasto principale dei beduini che si trovano nel deserto.

Una pietanza che usiamo anche dalle nostre parti è l’Hummus: si tratta di una crema di ceci servita con pane arabo. Una pietanza estremamente semplice, ma molto gustosa.

The Hurt Locker - Cinematographe.it

Per i più golosi consigliamo di fare incetta di Falafel: si tratta di polpettine fritte nell’olio bollente realizzate sempre con ceci, prezzemolo, aglio, cipolla e coriandolo, magari accompagnate da una gustosa salsa.

The Hurt Locker - Cinematographe.it

Lo Zarb è un mix di carni (molto prelibate) e gustose verdure la cui cottura avviene rigorosamente sotto la sabbia. Come dessert vi consigliamo di assaggiare, con la dovuta moderazione il Knafeh: un dolce (molto dolce) realizzata con pasta di filo farcita con formaggi freschi e cotta nel burro. Naturalmente non tralasciate di assaggiare le varie spezie che sono l’ingrediente principale di tantissime ricette giordane come anche la frutta secca.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

Scopri il nostro Shop Online