Birds of Prey. Chi è davvero Harley Quinn? Storia e origini di un’icona

Con l'uscita di Birds of Prey scopriamo chi è davvero Harley Quinn, interpretata da Margot Robbie nel film.

Margot Robbie è pronta a tornare nei panni di Harley Quinn. Con Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn, la DC punta su uno stile quanto mai accentuato e sgargiante, che vede l’attrice australiana puntare nuovamente su un personaggio fumettistico che l’ha resa un’icona, facendo dividere l’interprete tra opere d’autore dei grandi maestri come Martin Scorsese e Quentin Tarantino e il mondo ben più cialtrone e scanzonato dei cinecomics. Il ritorno di Harley Quinn avviene dopo i quattro anni passati dall’uscita del Suicide Squad di David Ayer, e vede la protagonista in piena crisi sentimentale dopo la rottura dal giullare Joker.

La storia delle origini del personaggio di Harley Quinn risale al 1992. Inizialmente il personaggio non compariva nella DC Comics, ma soltanto nello show televisivo di Fox Kids Batman: The Animated Series. Creata da Paul Dini e Bruce Timm, la versione tv di Harley Quinn diventò talmente popolare da venir incorporata nella trama dei fumetti. Il suo nome deriva da un personaggio teatrale popolare nella Commedia d’Arte Italiana ossia Arlecchino. Nell’universo DC Comics, il vero nome di Harley Quinn è Harleen Frances Quinzel e appare per la prima volta a livello fumettistico in Batman Adventures n. 12 del settembre 1993.

Harley Quinn: dalla tv all’entrata nel mondo del fumettoThe Suicide Squad, Harley Quinn Cinematographe

Birds of Prey: scopri qui la colonna sonora sensuale e selvaggia del film DC

Nel volume del 1994 The Batman Adventures: Mad Love vengono spiegati i retroscena della vita di Harley Quinn. La donna lavora come stagista presso l’Arkham Asylum di Gotham City e comincia ad avvicinarsi sempre di più ad un suo paziente, cioè Joker. Da lì, i due, intraprendono una relazione, davvero complicata viste le motivazioni contrastanti dei corrispettivi personaggi. Joker riesce a escogitare il modo con cui manipolare Harley Quinn per i suoi interessi egoistici, anche se sussiste realmente un vero legame romantico. Da lì, inizia a subentrare anche la figura di Batman. Harley è, così, bloccata nel mezzo di queste due potenti personalità di Gotham, incerta su come procedere visto il suo interesse emotivo per Joker.

Nel 2011 la DC Comics rilancia il suo universo fumettistico con The New 52 con cinque storie completamente nuove. Harley Quinn riceve, in questa occasione, un nuovo retroscena, nonché un rinnovato aspetto, presentando alcuni lati del carattere che si sarebbero poi resi palesi in Suicide Squad. Sul grande schermo, Harley Quinn è un personaggio psicopatico proprio come Joker, e si unisce a malincuore alla squadra di criminali di Black Ops di Amanda Waller, la Suicide Squad. I capelli di Harley diventano multicolori invece che solo biondi, la sua pelle diventa pallida visto il bagno chimico fattole da Joker. A causa del passato traumatico di Harley Quinn, la donna mostra con Joker una chiara Sindrome di Stoccolma. La donna, però, comincia a sentire il bisogno di emanciparsi per procedere con la propria vita, un tema che è alla base di Birds of Prey. Nel 2019 con la serie Harley Quinn della DC Universe, viene rivelata la vera storia di come la dottoressa Harleen Quinzel è diventata la regina dei clown del crimine, in particolare di come è avvenuto il bagno chimico che l’ha poi trasformata.

A differenza dei supereroi tradizionali, Harley Quinn non ha straordinari poteri fisici, sebbene sia molto abile con le armi. È nota, piuttosto, per essere emotivamente instabile, il che significa che il principale ostacolo da superare è il suo ossessivo attaccamento a Joker, nonostante il suo marchio da folle sia anche ciò che la rende più formidabile. Harley Quinn colpisce per il suo carisma e la sua sessualità, è attraente sia per gli uomini che per le donne, e dimostra di saper completare i propri obiettivi quando è completamente focalizzata su di uno scopo. Porta una mazza e spesso si maschera per manipolare situazioni difficili. È una donna atletica e ha anche un forte sistema immunitario grazie a un antidoto tossico che le è stato iniettato dalla dott.ssa Pamela Lillian a.k.a. Poison Ivy.

La fantasmagorica rinascita al cinema di Harley QuinnBirds of Prey, Margot Robbie, Cinematographe.it

Con la sua interpretazione, Margot Robbie ha offerto una performance rivoluzionaria del personaggio della DC. L’aspetto del personaggio si allinea con il nuovo rilancio in The New 52, con l’attrice che le applica alcuni tocchi personali. Ma, mentre Suicide Squad mette in luce la persona e il rapporto di Harley Quinn con il Joker, Birds of Prey mostra un lato più intimo della sua vita, permettendo alla Robbie di mostrare la sua versatilità come interprete. Secondo la costumista di Birds of Prey, Erin Benach, il senso dello stile di Harley Quinn va riflettendone la personalità e così anche, secondo Margot Robbie, il suo appartamento: “La cosa diversa di questo film è che vedi Harley nel suo elemento. Puoi anche vederla nel suo appartamento. Che aspetto ha la sua casa? Cosa indossa quando può scegliere cosa indossare? In Suicide Squad c’era una scatola da cui scegliere e così trova il suo completo da missione, ma cosa indossa quando va a ubriacarsi di notte? Come affronta i postumi di una sbornia? Si vedono questi altri lati di Harley, molto più personali“.

In Suicide Squad, un “matrimonio chimico” stabilisce che Harley Quinn è la compagna del crimine di Joker. Come per la serie a fumetti, viene catturata nel mirino mentre Batman e Joker combattono, finendo nel penitenziario federale di Belle Reve. Lì, Amanda Waller recluta Harley Quinn per la Task Force X, che mette in moto gli eventi principali di Suicide Squad. Dopo un incidente in elicottero, Harley Quinn e il Joker si separano, ma alla fine si riuniscono durante una sequenza a Belle Reve. In Birds of Prey Harley Quinn ha rotto con Joker, celebrando la sua nuova emancipazione facendo saltare in aria la fabbrica di Ace Chemicals. Ora, il personaggio di Robbie si unirà ad altre co-protagoniste per abbattere il signore del crimine Roman Sionis a.k.a. Black Mask. 

Ultime notizie

Donne sull’orlo di una crisi di nervi: il capolavoro di Pedro Almodovar diventa una serie TV

Il capolavoro di Pedro Almodovar Donne sull'orlo di una crisi di nervi è destinato a fungere da ispirazione per...

Articoli correlati