Annabelle cinematographe.it

Annabelle 3 riprende subito dopo il prologo di L’evocazione – The Conjuring, ma il suo finale si svolge prima del resto del film. Dopo il successo del primo capitolo nel 2013, Warner Bros. e New Line hanno deciso di realizzare un prequel basato su Annabelle, la malvagia bambola che dà il titolo al film. Quando anche questo è diventato un successo commerciale, gli studios sono stati pronti a dare il via libera a un altro prequel nel 2017, intitolato Annabelle 2: Creation, che ha rivelato chi ha costruito il giocattolo e com’è diventato demoniaco.

Inutile dire che anche questo secondo capitolo è stato molto redditizio e ha aperto la strada a un terzo spin-off: Annabelle 3. Scritto e diretto dallo sceneggiatore di Annabelle e Annabelle 2: Creation, Gary Dauberman (al suo debutto dietro alla macchina da presa), la terza avventura di Annabelle inizia appunto alla fine del prologo di L’evocazione – The Conjuring, quando Ed e Lorraine Warren (Patrick Wilson e Vera Farmiga) aiutano alcuni poveri studenti d’infermieristica che sono terrorizzati dall’omonima bambola. Successivamente gli Warren portano Annabelle a casa e la conservano nella loro stanza maledetta dei manufatti, mettendola dentro una scatola di vetro sacro per tenere a bada i suoi poteri soprannaturali. Così facendo, la sua malvagità viene contenuta, almeno per il momento.

I problemi arrivano a sorpresa una sera quando gli Warren vanno fuori città, lasciando la loro giovane figlia Judy (Mckenna Grace) da sola con la sua babysitter Mary Ellen (Madison Iseman) e l’amica Daniela (Katie Sarife). Quando Mary Ellen va a curiosare nella stanza dei manufatti degli Warren e tenta di contattare il padre scomparso di recente (in un incidente d’auto mentre lei si trovava con lui), inavvertitamente scatena Annabelle e permette alla bambola di risvegliare gli spiriti malvagi, che sono rimasti addormentati negli oggetti intorno a lei. Alla fine Judy, Mary Ellen e Daniela sono in grado di unire le forze e di riportare Annabelle nel suo sacro contenitore, impedendole di fare altri danni. Si tratta senz’altro di una cosa positiva, visto che presto i due coniugi avranno difficoltà ancora più gravi da affrontare.

Annabelle 3 termina prima di L’evocazione – The Conjuring

Annabelle cinematographe.itFacciamo un breve riassunto della situazione: L’evocazione – The Conjuring si svolge principalmente nel 1971 e segue gli Warren che aiutano i Perron – una famiglia che si è trasferita in una fattoria nel Rhode Island, ignara che la proprietà sia stata maledetta da una strega di nome Bathsheba nel XIX secolo. In realtà, a un certo punto del film, Bathsheba porta il combattimento direttamente dagli Warren invadendo la loro casa e usando Annabelle per attaccare Judy. Tuttavia, Annabelle 3 chiude le cose molto prima che tutto ciò avvenga. Si tratta di un cambiamento di ritmo rispetto a Annabelle e Annabelle 2: Creation, che si sono conclusi con una scena che ha alimentato direttamente degli eventi del prossimo film di The Conjuring in ordine cronologico.

Questa scelta però ha senso per il film in questione. Annabelle 3 è più sulla falsariga di un’avventura oscura di Amblin degli anni ’80 (un gruppo di ragazzini combatte una minaccia terrificante) rispetto ai film di The Conjuring ed è stata descritta come una versione più strana di Una notte al museo creata da Dauberman e da James Wan. Come tale, il film si chiude in modo appropriato con un momento commovente in cui Mary Ellen, Daniela e un sacco di altri bambini si presentano per la festa di compleanno di Judy, mostrando che la piccola non è sola come si sentiva all’inizio. Non è la prima volta che una voce di The Conjuring termina con una nota commovente (The Conjuring – Il caso Enfield è finito con Ed e Lorraine che condividono una danza romantica), ma è un benvenuto al viaggio che Judy, Mary Ellen e Daniela hanno fatto insieme.

Annabelle 3 non ha alcun collegamento importante con The Nun: La vocazione del male o con The Croocked Man

Annabelle cinematographe.itCome suggerisce la sua premessa, Annabelle 3 mostra molti demoni e mostri che non si sono mai visti in un film dell’universo di The Conjuring (ma che erano stati imprigionati nella collezione degli Warren). Tuttavia, ci sono due demoni in particolare che non riescono ad apparire qui. Il primo è Valak, cioè la suora demoniaca che ha fatto il suo debutto nel secondo capitolo di The Conjuring e che da allora ha recitato in un prequel a lei dedicato, The Nun: La vocazione del male. L’altro è The Crooked Man, una creatura che prende il nome dalla filastrocca There was a Crooked Man e che è diventata anch’essa parte del franchise in The Conjuring – Il caso Enfield. In realtà, c’è una ragione molto semplice per cui la coppia non si è unita alla festa di Annabelle 3: non aveva ancora incontrato gli Warren.

Con The Nun 2 attualmente in fase di stesura e uno spin-off di The Crooked Man in fase di sviluppo, ci sono buone probabilità che uno o entrambi questi demoni tornino nell’universo di The Conjuring in futuro. Il primo progetto sembra muoversi molto più velocemente di quest’ultimo, quindi le probabilità sono a favore di Valak più che di The Crooked Man. Allo stesso tempo, Annabelle 3 ha introdotto un sacco di nuovi cattivi (The Ferryman, The Hellhound, l’abito da sposa stregato) che sembrano ottimi candidati per ottenere un film tutto loro in futuro. Per ora The Conjuring 3 è l’unico progetto con una data di rilascio ufficiale negli Stati Uniti, dove uscirà l’11 settembre 2020, per cui i fan sono liberi di speculare su quale film solista potrebbe venire dopo – anche se non bisogna escludere che Annabelle e Valak possano allearsi di nuovo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto