Infinity Annabelle 3, cinematographe

La bambola demoniaca dell’universo di The Conjuring sta tornando. Al suo terzo capitolo Annabelle 3 va espandendo il mondo dei misteri dei coniugi Warren, ricollegandosi alle sue due pellicole precedenti e riempiendo la sua nuova storia di altri spiriti sovrumani. Il film riprende il prologo di The Conjuring, ma il suo finale si svolge prima del resto della narrazione. Dopo il successo del primo L’evocazione – The Conjuring di James Wan nel 2013, la Warner Bros. e la New Line hanno deciso di proseguire con un prequel basato sulla malvagia bambola Annabelle. E, quando anche questo portò a casa dei buoni risultati, gli studios furono pronti ad ampliare il racconto intorno alla protagonista inanimata.

Annabelle 3 – la spiegazione del film horror

Il secondo capitolo dal titolo Annabelle 2: Creation uscì al cinema nel 2017 diretto da David F. Sandberg, film che rivela chi fu a costruire la bambola e esplorò ancora più profondamente l’inclinazione demoniaca e di tramite che quest’ultima svolge. Portato a casa un risultato soddisfacente anche con questa seconda opera horror, era inevitabile aspettarsi un ulteriore film che andasse ad allargare nuovamente la saga di Annabelle. E, così, arriviamo al terzo film scritto e diretto da Gary Dauberman, solo sceneggiatore per i precedenti film su Annabelle e passato, con questa pellicola, anche alla regia.

Annabelle 3 e le connessioni tra gli altri film del The Conjuring UniverseAnnabelle 3, cinematographe

La storia di Annabelle 3 si apre, dunque, con il passaggio della bambola da alcuni studenti, spaventati dalle capacità del giocattolo, alle mani di Ed e Lorraine Warren – Patrick Wilson e Vera Farmiga -, che portano a casa Annabelle per conservarla nella loro stanza dei manufatti. La bambola viene riposta in una teca fatta benedire, che dovrebbe riuscire a contenere i suoi poteri soprannaturali. I problemi arrivano quando marito e moglie si recano fuori città, lasciando la loro giovane figlia Judy (Mckenna Grace) con la babysitter Mary Ellen (Madison Iseman) e la sua amica Daniela (Katie Sarife). Quest’ultima tenterà di contattare il padre defunto, riattivando i poteri della bambola e risvegliando così alcuni degli spiriti nella casa degli Warren.

Annabelle 3: recensione del film horror di Gary Dauberman

Ricordiamo che in The Conjuring, ambientato nel 1971, gli Warren vanno in aiuto del clan Perron, una famiglia trasferitasi in una fattoria nel Rhode Island, maledetta da una presunta strega di nome Bathsheba nel XIX secolo. Bathsheba ora porta il conflitto proprio nella casa degli Warren, usando Annabelle come tramite per attaccare la figlia Judy. Tuttavia Annabelle 3 si conclude prima che ci siano collegamenti diretti con possibili conseguenze dovute alla notte passata, come invece accadeva in Annabelle e Annabelle 2: Creation. Entrambi si concludevano, infatti, con elementi che andavano direttamente collegandosi, in ordine cronologico, a The Conjuring.

Una scelta, a livello di racconto, che è in linea con gli intenti della pellicola. Annabelle 3 sembra più un film sulla falsariga dei classici dell’avventura horror con protagonisti dei giovani, in cui un gruppo di ragazzini deve difendersi da una minaccia terrificante e cercare di sconfiggerle. In quanto tale, il film si chiude con un momento commovente in cui Mary Ellen, Daniela e un gruppo di bambini si presentano alla festa di compleanno di Judy, che smette di sentirsi sola ed esclusa come invece avveniva a inizio film. Un finale simile a quello di The Conjuring – Il caso Enfield (2016), in cui Ed e Lorraine si abbandonano ad una danza romantica.

Da The Nun a Crooked Man, tutti gli spiriti presenti o assenti…the nun - la vocazione del male cinematographe.it

Come già annunciato, Annabelle 3 presenta una serie di mostri mai visti nell’universo di The Conjuring, mentre sono due i personaggi incontrati già in questo mondo, ma che non fanno alcuna apparizione nel film. Il primo è Valak alias la suora demoniaca, che ha fatto il suo debutto nel secondo capitolo di The Conjuring e che ha avuto un suo film stand alone nel 2018 dal titolo The Nun. L’altro è Crooked Man, creatura che prende il nome dalla filastrocca “There was a Crooked Man”, diventata parte del franchise di The Conjuring – Il caso Enfield. La ragione della loro assenza è semplice: i personaggi, in questa linea temporale, non hanno ancora incontrato i coniugi Warren.

Con The Nun 2 attualmente in fase di stesura e uno spin-off in cantiere su Crooked Man, ci sono significative probabilità che uno o entrambi i citati ghouls possano tornare nel The Conjuring Universe. Allo stesso tempo Annabelle 3 ha introdotto molti nuovi personaggi come Ferryman, La Sposa e il Licantropo, tutti all’apparenza buoni candidati per acquisire un loro spazio filmico nel futuro della serie. Per ora l’unica voce certa è quella che riguarda il terzo film di The Conjuring, con l’uscita programmata per il 2020.

Annabelle 3 ha delle scene post-credits?

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto