The Trench, cinematographe.it

Recentemente James Wan, maestro dell’horror, ha dato qualche aggiornamento su The Trench, lo spinoff di Aquaman

The Trench, lo dice il titolo stesso, parlerà della popolazione marina che abbiamo visto in Aquaman, quella a cui era stata offerta come prigioniera (o meglio, pasto), la Regina Atlanna, madre di Arthur e Orm, interpretata da Nicole Kidman. La donna era riuscita a sopravvivere trasformandosi in una di loro e sfuggendo alle angherie del popolo selvaggio sottomarino grazie alla scoperta di quella specie di Paradiso Terrestre al cui interno era conservato anche il famoso e leggendario Tridente di Atlan.

Ma chi sono questi Trench? in Aquaman ci viene brevemente spiegato che essi erano parte del Regno Emerso di Atlantide prima della caduta nell’Oceano; dopo l’affondamento della città, per non soccombere,  ognuno dei cittadini della super tecnologica città era riuscito in qualche modo a trovare il sistema per sopravvivere sott’acqua, ma chi si trasformò in Trench lo fece perché rifiutò di creare una nuova civiltà sottostando a delle regole. Ecco cosa ha spiegato James Wan di questo spinoff, intitolato (forse) proprio The Trench:

Noi, in questo momento siamo ancora molto impegnati a creare la sceneggiatura, a creare la storia, quindi non voglio approfondire troppo la questione, ma sicuramente è una di quelle cose che voglio davvero trasformare in un film dagli spunti horror, alla fine sembrerà più un horror a tema mostri che un cinecomic, ma farà comunque ancora parte del mondo di Aquaman.

Del resto non ha tutti i torti: James Wan è un maestro dell’horror (i ha regalato i primi due film di The Conjuring, dopotutto), e sarà interessante vedere cosa riuscirà a a fare con questa pellicola, dal momento che adesso sa anche (e bene), lavorare ai cinefumetti. Che ne dite? Curiosi?

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto