The Cloverfield Paradox Cinematographe

The Cloverfield Paradox ha quasi incluso un bizzarro easter egg che lo collegava direttamente a 10 Cloverfield Lane.

Il franchise di Cloverfield è diventato noto per la sua strategia di rilascio non convenzionale. Il teaser del film originale è apparso improvvisamente nei cinema senza nemmeno rivelare il titolo, portando ad alimentare esponenzialmente la frenesia delle ipotesi online. Poi nel 2016 è apparso all’improvviso un trailer per 10 Cloverfield Lane – un sequel che nessuno sapeva nemmeno fosse stato realizzato.

Il produttore J.J. Abrams ha continuato questa tendenza con The Cloverfield Paradox, e il film distribuito direttamente a Netflix poche ore dopo il rilascio del trailer. A differenza delle prime due pellicole, tuttavia, il film ha ricevuto recensioni per lo più tiepide, con molti che hanno trovato la trama disordinata e il ritmo noioso. Il film è rimasto fermo alla Paramount per un po’, con lo studio apparentemente preoccupato che sarebbe stato massacrato se fosse stato distribuito in sala. La tattica di Netflix ha funzionato bene per tutti i soggetti coinvolti; Netflix ha pagato a Paramount 50 milioni di dollari per il film e, in cambio, ha ricevuto un’esclusiva alto profilo per attirare gli spettatori.

The Cloverfield Paradox contiene riferimenti e easter egg che lo collegano ai film precedenti, ma Abrams ha rivelato in un’intervista al podcast di Empire che ha dovuto eliminare uno dei suoi preferiti, dove i personaggi principali vedono il camion di Stambler (John Goodman) da 10 Cloverfield Lane in un posto strano.

Durante la sequenza spaziale e tutti questi detriti che volano in giro, c’era un camion che stava girando là intorno. Ed era da 10 Cloverfield Lane, era il camion di Stambler. Ma è stata una di quelle cose che, ancora una volta, alcune persone hanno definito troppo esagerata o dipersiva.

Abrams e il regista Julius Onah hanno anche confermato altri pezzi di tessuto connettivo, rivelando il teorico della cospirazione in The Cloverfield Paradox di nome Stambler, un cenno intenzionale al personaggio di John Goodman, e il mostro nella scena finale è lo stesso dell’originale Cloverfield.

Abrams: È la stessa creatura. Ma decisamente più grande.

Onah: Voglio dire che era un bambino nel primo, quindi forse ha iniziato a mangiare i suoi Wheaties ed è cresciuto un po’.

The Cloverfield Paradox rivela che gli eventi dei film precedenti sono il risultato di un esperimento che ha aperto fratture nel tempo e nello spazio, che si sono incrociate con realtà alternative. Apparentemente questo apparato grafico consentirà al franchise di saltare nel tempo e di non doversi preoccupare della continuità. Abrams ha già dichiarato che vede i film di Cloverfield come sequel spirituali invece che fedeli a una linea temporale rigorosa, quindi questa rivelazione dovrebbe consentire un approccio flessibile e antologico.

Detto questo, la risposta mista a The Cloverfield Paradox potrebbe aver danneggiato il franchise. Il prossimo film della serie è soprannominato Overlord, ed è ambientato durante la seconda guerra mondiale, dove i soldati cercano di fermare un esperimento nazista soprannaturale. Abrams ha già definito il film “folle”, quindi speriamo che possa compensare qualsiasi delusione provata dai fan con Paradox.

[amazon_link asins=’B0041KW594,B06Y44VCK4,B01BLH8R50,B00EMMDMKM,B01ER0SOHO’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’fe95c0f4-181f-11e8-babd-cfa767cd09cf’]

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto