rampage furia animale cinematographe
Scopri il nostro Shop Online

Mentre Rampage di Dwayne Johnson ha debuttato in vetta al botteghino lo scorso fine settimana, il film della Warner Bros. a un certo punto ha quasi perso la sua star principale.

ATTENZIONE! SEGUONO SPOILER SUL FILM. L’adattamento del videogioco ha segnato una riunione tra Dwayne Johnson e il regista di San Andreas Brad Peyton, con The Rock che ha ricoperto il ruolo di un primatologo il cui amico George, un gorilla albino, è esposto a un agente patogeno mutante e a due altre bestie: un lupo e un coccodrillo giganteschi.

Mentre Rampage avanza, il caos si scatena negli Stati Uniti, con la conseguente distruzione, e tocca a Dwayne Johnson e al suo gorilla gigante salvare la situazione. Ma Johnson ha quasi lasciato il film quando gli è stato offerto, a causa della sua conclusione originale. In un profilo di Rolling Stone (via / Film), Johnson ha rivelato che Rampage doveva terminare con la morte di George, motivo per cui non aveva intenziono di fare il film:

“Quindi la sceneggiatura è arrivata e io la stavo leggendo. E alla fine George moriva! E io ho detto, ‘No. Mi sono perso qualcosa? George non può essere morto. “Ma io torno, e sì.” Johnson ha poi continuato a spiegare perché non gli piaceva il finale:

“Non mi piacciono i finali tristi. La vita è piena di situazioni tristi – non voglio viverle anche nei miei film. Quando i titoli di coda cominciano a scorrere, voglio sentirmi bene… Abbiamo avuto un grande incontro in cui mi hanno dato tutte le ragioni per cui pensavano che George dovesse morire. Si doveva sacrificare per salvare il mondo. Per uccidere questi animali che avevano cattive intenzioni di danneggiare l’umanità. Si sacrifica come un soldato coraggioso. OK. Ma questo è un film! C’è un coccodrillo delle dimensioni di uno stadio da calcio – non stiamo facendo Salvate il soldato Ryan.”

L’attore ha spiegato come i lieti finali siano una parte fondamentale dei film che realizza e le relazioni che ha con i suoi fan:

“Il mio problema è che ho una relazione forte col pubblico in tutto il mondo. Per anni ho costruito una promessa verso di loro, che verranno a vedere i miei film e staranno bene. Così ogni tanto devo giocare questa carta, che è: dovrete trovare un altro attore. Dobbiamo trovare un modo, altrimenti non farò il film.”

Il suo punto di vista non può che fare onore a Dwayne Johnson. In un’epoca in cui le star del cinema sono state sostituite da franchising e IP conosciuti, Johnson ha acutamente stabilito un marchio in cui lui stesso sceglie le persone che verranno a vedere i suoi film. Non sempre funziona, come evidenziato da Baywatch, ma oltre a successi solidi come Central Intelligence, abbiamo visto anche film come Jumanji: Benvenuti nella Giungla, che è diventato un fenomeno mondiale.

Questo non vuol dire che Johnson rifiuterebbe un film di Steven Spielberg solo perché ha un finale triste – mentre la sua carriera progredisce potrebbe iniziare a spostarsi in un territorio più drammatico e oscuro. Ma per ora, l’attore vuole concentrarsi sul rendere felice il pubblico, e un lieto fine è parte integrante di ogni progetto che sceglie. Quindi, probabilmente, possiamo sentirci rassicurati per quanto riguarda Skyscraper...