Quentin Tarantino: il nuovo film va avanti alla Sony nonostante gli scandali

La trama del nono film di Tarantino coinvolge un attore televisivo sfortunato (Leonardo DiCaprio) in cerca di un ritorno via spaghetti westerns.

Con Leonardo DiCaprio impegnato, Quentin Tarantino avrebbe in mente giugno, come data d’inizio della produzione.

In quello che sta diventando il passatempo nazionale, cioè vedere i vertici del cinema inciampare nel loro comportamento inappropriato, la scorsa settimana è stato il turno di Quentin Tarantino. Ha spiegato il suo ruolo nello sfortunato incidente d’auto di Uma Thurman sul set di Kill Bill in un giorno in cui nessuno stuntman era a disposizione, e ha rilasciato scuse per i commenti che ha fatto all’Howard Stern Show nel 2003 sulla vittima dello stupro di Roman Polanski Samantha Geimer.

Tarantino non vuole altro che tenere la testa bassa e fare il suo prossimo film (previsto per Sony il 9 agosto 2019). La domanda è se la Sony o la Paramount – che sta sviluppando un film di Star Trek fuori dal campo del regista – sentiranno una pressione sufficiente a decidere di ritirarsi dall’impegno con Tarantino.

A favore del film: Secondo gli agenti di Tarantino a William Morris, Leonardo DiCaprio è impegnato nel film e “siamo a tutto tondo”, in pista per iniziare le riprese principali a giugno. E quale studio ha intenzione di dire di no a un film con DiCaprio impegnato a recitare? D’altra parte, quando la Sony è stata contattata per fare un commento, lo studio non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale sullo stato del progetto.

A parte gli scandali, Tom Rothman della Sony potrebbe provare qualche ansia per il film sul principio generale. Per ottenere un profitto, il film di grosso budget dovrebbe incassare almeno 300 milioni di dollari in tutto il mondo. Sia Django Unchained che Bastardi senza gloria hanno varcato quella soglia. Tuttavia, questo film non è un successo sicuro. È un pezzo d’epoca, Tarantino ha affermato che il film parla meno di Charles Manson e di più dell’anno 1969.

Secondo quanto riferito, la trama coinvolge un attore televisivo sfortunato (Leonardo DiCaprio) in cerca di un ritorno via spaghetti westerns; si dice che il suo stuntman sia Brad Pitt o Tom Cruise. Ma sia Polanski che Sharon Tate sono (controverso) inclusi nel film (si dice che Margot Robbie sia in trattativa), che ha un budget di $ 100 milioni.

Sicuramente la Sony deve aver preso in considerazione quei fattori a novembre, quando il movimento #MeToo era ancora nuovo di zecca e Tarantino stava organizzando la sua vita post-Weinstein mentre cinque studi si contendevano il suo nono film…incrociamo le dita!

Ultime notizie

Lawrence: recensione del film su Lawrence Ferlinghetti

È il collettivo milanese dei ragazzi di Tempi diVersi ad aprire l’anteprima del documentario Lawrence al Palazzo del cinema...

Articoli correlati