L’uomo di neve: il regista Tomas Alfredson si difende dalle critiche

Secondo il regista Tomas Alfredson, nonostante tutto, non si può dire che il suo L'uomo di neve "sia una merda", difendendosi dalle critiche

Si potrebbe pensare che un film prodotto da Martin Scorsese, diretto dal filmmaker che ha fatto La talpa, con un cast che include Michael Fassbender e Rebecca Ferguson, si sarebbe rivelato uno dei migliori film della stagione autunnale. Non è stato così. L’uomo di neve, per la maggior parte della critica, è stato un disastro completo. Il regista Tomas Alfredson è già pronto a difendersi, facendo del suo meglio per spiegare perché questo fallimento, in fondo, non sia colpa sua. Ecco cosa ha dichiarato in una recente intervista:

Il nostro tempo di riprese in Norvegia è stato troppo breve. Non abbiamo avuto tutta la storia con noi e quando abbiamo iniziato a tagliare abbiamo scoperto che mancava molto. È come quando si sta facendo un grande puzzle e qualche pezzo manca in modo da non vedere l’intero quadro. Tutto era così brusco, improvvisamente abbiamo notato che avevamo i soldi e che avremmo potuto iniziare le riprese a Londra. Abbiamo ripreso il 15/20% di quello che avremmo dovuto e non è questo il modo giusto di fare film.
Il fatto che avessimo a disposizione un romanzo di origine tanto potente e un cast fantastico, con un team di produzione fatto di veterani, sia finito con un disastro inatteso, è l’ultimo esempio di come i grandi ingredienti non sempre portano a una torta saporita: L’uomo di neve è stato un abisso.

L’uomo di neve è basato sui romanzi di Jo Nesbo che seguono il personaggio fittizio di Harry Hole, interpretato da Michael Fassbender. Il grande pubblico ha amato i romanzi e questo particolare adattamento è stato impostato per essere diretto da Martin Scorsese ad un certo punto. Quindi c’erano parecchie potenzialità nella storia. Purtroppo, come spesso accade, il destino è stato impietoso.

Non è un documentario sulla geografia della Norvegia, ho voluto fare un thriller fittizio, quindi anche se non tutto è geograficamente corretto, non dico che è una merda.

Articoli correlati