Halloween cinematographe

Regista di pietre miliari dell’horror, come Il seme della follia, John Carpenter non riesce a tenere il passo con le più recenti produzioni del genere che gli ha dato fortuna.

Di recente, Rotten Tomatoes si è reso protagonista di una gaffe annunciando erroneamente la morte del regista, ma John Carpenter è vivo e vegeto, ed è anzi più impegnato che mai. Tra la produzione di vari progetti e la sua carriera musicale, il cineasta ha svelato proprio a Rotten Tomatoes di non avere il tempo da dedicare ai nuovi horror, limitandosi a visionare il materiale che ogni anno gli viene spedito in vista degli Oscar:

“Mi sono dedicato alla musica per diversi anni, perciò sono stato occupato. Ho guardato i film che mandano ogni anno, per l’Academy. Mi ci diverto. Riesco a recuperare alcune cose mainstream. Ma la roba horror, non [la vedo]. Ci sono così tanti film horror che vengono realizzati a ogni livello. E sono sicuro che molti sono davvero buoni. Semplicemente non ho il tempo per scoprirlo.”

A ogni modo, John Carpenter non ignora del tutto le nuove leve del genere horror ed è rimasto particolarmente colpito dal produttore Jason Blum, che con la sua Blumhouse ha prodotto negli ultimi anni titoli di successo quali Split e Scappa – Get Out. Quest’ultimo ha ricevuto anche alcune nomination agli Oscar e Carpenter si è rivelato felicissimo per questo, nonostante debba ancora visionare il film di Jordan Peele. Il regista sta collaborando proprio in questo giorni con Blum sul set di Halloween, nuovo capitolo della saga horror che vede alla regia David Gordon Green.

[amazon_link asins=’B0733HCMRM,B00EO87S7C,B00P2XK9VK,B01B2F7KU4,B00IKUIJQO,B00A7EEZF0,B009CUUZY0′ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a72c6775-0932-11e8-9492-17a3b961c02e’]

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE