Avengers: Endgame Cinematographe

Una fan theory suggerisce che una scena particolare di Guardiani della Galassia potrebbe aver spoilerato Avengers: Endgame

Anche se le Gemme dell’Infinito esistevano nel Marvel Cinematic Universe già molto tempo prima dell’uscita di Guardiani della Galassia nelle sale cinematografiche nel 2014, il film diretto da James Gunn ha svolto un lavoro esemplare nella spiegazione dello scopo delle antiche gemme.

Non solo, un’intrigante teoria di un fan suggerisce che una certa scena potrebbe aver spoilerato la fine di Avengers: Endgame, Condivisa dall’utente Reddit, kushnation42, la teoria fa riferimento al momento in cui il Collezionista (Benicio Del Toro) spiega le Gemme ai Guardiani.

Mentre illustra le esatte abilità delle Gemme, l’Antico dell’Universo si assicura di menzionare che un gruppo di “esseri straordinari”, una volta, fu in grado di controllare per breve tempo il potere delle gemme, prima che esse fossero sopraffatte e successivamente distrutte.

Guardiani della Galassia: morto Oreo, il procione che ha ispirato Rocket

Guardando avanti, ad Avengers: Endgame, questo è uno scenario che potrebbe davvero accadere nella battaglia finale contro Thanos (Josh Brolin). Anche se non sappiamo nulla riguardo al gruppo che originariamente ha tentato di usare le Gemme (al di là dei Celestiali), abbiamo visto durante gli eventi nel film che un gruppo di esseri potenti può controllare almeno il potere della Gemma del Potere.

Quando inizi ad aggiungere all’equazione personaggi come Iron Man, Captain America, Thor, Hulk, e Captain Marvel, ci si rende conto di avere a disposizione eroi con poteri simili agli Dei, che sono forti abbastanza da detenere il resto delle Gemme per tentare di sconfiggere Thanos una volta per tutte. L’unica cosa è capire come sottrarle al Titano Pazzo e dal suo Guanto dell’Infinito.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto