terminator: destino oscuro, cinematographe.it

La pellicola con protagonista Arnold Schwarzenegger conquista la prima posizione negli Stati Uniti, scalzando il dominio di Joker

Un buon esordio quello di Terminator: Destino Oscuro al box office degli Stati Uniti, anche se le aspettative per il film sono abbastanza alte, considerando il budget di 185 milioni di dollari, ed il ritorno nel franchise di Arnold Schwarzenegger e Linda Hamilton. La pellicola durante il suo primo fine settimana ha ottenuto 29 milioni di dollari, con 10 milioni incassati solo nella giornata di venerdì.

Terminator: Destino Oscuro ha guadagnato 2.4 milioni all’anteprima

Terminator riesce a scalzare il dominio di Joker, il film con protagonista Joaquin Phoenix, che in questo fine settimana ha ottenuto 12,92 milioni di dollari (3,84 milioni il venerdì). Scende al terzo posto Maleficent – Signora del Male, che ha ottenuto 12,17 milioni, e complessivamente negli Stati Uniti ha guadagnato 84 milioni. Conquista la quarta posizione nel suo weekend d’apertura la pellicola Harriet, che ottiene 12 milioni complessivi, e 4 milioni nel solo venerdì.

Joker: il film ha appena superato i 900 milioni di dollari al box office

Scende al quinto posto La Famiglia Addams, pellicola d’animazione dedicata ai popolari personaggi creati da Charles Addams, che ha ottenuto 8 milioni nel fine settimana, ed 85 complessivi negli USA. Sesto posto invece per il nuovo film di Zombieland, arrivato alla sua terza settimana di proiezioni. Il film ha ottenuto nel fine settimana 7,35 milioni.

Box office USA: Joker continua a battere nuovi record

Il settimo posto è invece occupato da Countdown (5,85 milioni), l’ottavo da Black and Blue (4,05 milioni), il nono da Motherless Brooklyn (3,65 milioni nel fine settimana d’apertura), ed il decimo da Arctic Dogs (3,1 milioni).

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto