Bill Murray riceve il Maltin Modern Master Award e ricorda Ghostbusters

Premiato al Santa Barbara International Film Festival, Bill Murray ricorda i momenti passati al lavoro su Ghostbusters.

Da leggere

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Ayla – la figlia senza nome: la storia vera del film di Can Ulkay

Ayla - la figlia senza nome è un film del 2017 diretto da Can Ulkay. Ambientato durante la guerra...

L’uomo dei Ghiacci: la spiegazione del film con Liam Neeson

Arriva Liam Neeson e con un pugno salva tutti. Più o meno. Diciamo che L'uomo dei Ghiacci fa un lungo giro...

Block title

Nella cornice del Santa Barbara International Film Festival, Bill Murray è stato insignito del Maltin Modern Master Award e ne ha approfittato per ricordare alcuni momenti decisivi della propria carriera

È Bill Murray il nome scelto quest’anno per ricevere il Maltin Modern Master Award, riconoscimento attribuitogli nel corso del Santa Barbara International Film Festival per il suo contributo all’industria cinematografica. Il conferimento del premio è stato presentato da Roman e Sofia Coppola, quest’ultima regista che ha diretto l’attore in Lost in Translation e nel recente On the Rocks.

Parlando con il critico cinematografico Leonard Maltin, che dà il nome al premio, Bill Murray ha voluto sottolineare come sia un “davvero un onore” vedersi attribuito tale riconoscimento, dicendosi “colto di sorpresa” dalla notizia, pensando che lo stesso Maltin fosse venuto a mancare e che, per questo, aveva già cominciato a pensare a cosa dire di carino su di lui.

Leggi anche: Avete mai visto l’ex moglie di Bill Murray? Non è nuova al mondo dello spettacolo

Nel corso della chiacchierata, Bill Murray ha anche ricordato alcuni momenti della propria carriera, citando ovviamente anche Ghostbusters. In tale occasione, ha voluto omaggiare i suoi colleghi, grazie ai quali è riuscito a realizzare il cult, spiegando come loro quattro (Ernie Hudson, Dan Aykroyd e Harold Ramis oltre a lui) sapessero che sarebbero “affondati o rimasti a galla insieme” e che per questo si guardavano le spalle l’un l’altro. “Ci assicuravamo costantemente che tutti dessimo il massimo e fossimo in forma”, ha sostenuto la star, che ha spiegato come, nel film, “Harold era la mente dei Ghostbusters, Danny era il cuore […], Ernie era l’anima […] e io la bocca”.

Proprio a proposito di Acchiappafantasmi, ricordiamo che Bill Murray, così come altri volti familiari del noto franchise, faranno ritorno nel nuovo film della saga ovvero Ghostbusters: Legacy, in cui figurano Paul Rudd e Finn Wolfhard tra i protagonisti.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Articoli correlati