GIUDIZIO CINEMATOGRAPHE

VOTA IL FILM ORA!

On The Rocks, scritto e diretto da Sofia Coppola e disponibile dal 23 Ottobre su Apple Tv+, narra di Laura Keane (Rashida Jones), madre di due figlie e scrittrice incastrata in una routine che potrebbe minare il rapporto con suo marito Dean (Marlon Wayans). Nel coltivare sospetti nei confronti di Dean, fra uscite di lavoro e appuntamenti da lui stabiliti con la sua collega Fiona (Jessica Henwick), Laura comincia a tenersi in contatto e riprendere i rapporti con suo padre, Felix (Bill Murray), un playboy egocentrico dalla battuta sempre pronta. Insieme, decidono di pedinare Dean nel tentativo di coglierlo in flagrante con Fiona. L’obiettivo che si sono prefissati si trasformerà in un’occasione per riscoprirsi e conoscere gli antri oscuri del loro passato, in una commedia misurata e con dialoghi mai elevati col registro adottato.

On the rocks: i riflettori sono tutti puntati su Rashida Jones e Bill Murray

on the rocks recensione film apple tv + cinematographe.it

La direzione intrapresa si muove in un binario prestabilito, focalizzato sul rapporto incostante fra Laura e Felix: una grande chimica viene evidenziata con le due interpretazioni di Rashida Jones e Bill Murray, in ruoli semplici all’apparenza ma lontani dall’essere banali. Vengono descritti due caratteri agli antipodi; uno più introverso e razionale e l’altro invadente e consapevole di essere carismatico agli occhi di tutti, eppure On the rocks riesce a renderli tridimensionali in appena novanta minuti di durata. Da un sospetto che viene alimentato contro Dean, il film si perde intenzionalmente nel flusso di pensieri partoriti dai due protagonisti.

Posizioni che vengono rimarcate, prospettive chiare sui due sessi in contrasto, disamine che avvengono in maniera naturale sulle relazioni sentimentali durante il matrimonio. Il titolo Apple Tv+ si apre a ventaglio e regala uno spazio di sfogo per due personaggi bloccati nei loro corpi e nelle figure che devono ricoprire. La più evidente particolarità è facilmente individuabile nell’energia sprigionata dai due interpreti di punta, pronti a mettersi a nudo per intrattenere lo spettatore che presta attenzione ai loro dialoghi. Efficace, scremato da qualsiasi tipo di artificio o monologo preimpostato, la sceneggiatura di Sofia Coppola riesce a farsi largamente apprezzare per tutto il corso dei suoi atti.

Le musiche jazz e synth pop sono essenziali per definire i toni del film di Sofia Coppola

on the rocks recensione film apple tv + cinematographe.it

Il coinvolgimento all’interno della dinamica familiare viene rafforzata dalla cinepresa attenta della stessa Coppola, interessata alle svolte e agli intrecci di una coppia intrappolata in una ricerca costante di imperfezioni e squilibri negli amori. Nel consumarsi a vicenda, Laura e Felix cercheranno di riprendere il controllo delle loro vite di fronte ad episodi imbarazzanti e operazioni in incognito altamente spassosi. I ruoli secondari ricoperti da Marlon Wayans, Jenny Slate nel ruolo di Vanessa, amica di Laura, e Jessica Henwick vengono volutamente messi in disparte.

Il vortice delirante e parzialmente distruttivo creato dai due protagonisti rimane esclusivo e isolato, un sistema a circuito chiuso all’interno della quale gli affetti vengono ricondizionati e le esperienze passate riemergono di prepotenza. Le note malinconiche vengono stuzzicate dagli interventi musicali in sottofondo, ad opera del gruppo Phoenix e da brani originali dei Clark Terry Quartet e Bill Evans Trio: essi fungono da accompagnamento leggero e delicato, che sostiene le performance in primo piano e di contorno con moderazione. On the rocks risulta essere una piacevole visione, contornata da prove attoriali convincenti e un’atmosfera conciliante e perfezionata con cura da Sofia Coppola.