oscar 2016

L’88ª edizione della cerimonia degli Oscar, la notte cinematografica più attesa dell’anno, è finalmente arrivata! Nella giornata del 28 febbraio 2016, al Dolby Theatre di Los Angeles, abbiamo scoperto  i nomi dei vincitori degli Oscar 2016. A condurre la serata un brillante Chris Rock, già presentatore della 77ª edizione nel 2005 che appena giunto sul palco ha commentato “Ho incontrato almeno 10/15 neri venendo qui”, commentando la storia della protesta e di come è cambiata dagli anni ’60 ai nostri giorni. “Avevamo cose più importanti a cui pensare e non al premio per la fotografia o la regia […] Spike Lee quest’anno si è impazzito”.

“A Hollywood il razzismo è particolare… ma quest’anno abbiamo anche Creed, che io chiamo il Rocky di colore” ha continuato Chris Rock, per poi arrivare alla conclusione che “i neri non vorrebbero per forza l’Oscar ma delle opportunità”.

Leggi anche: #OscarSoWhite – continua la protesta alle porte del Dolby Theatre 

Alla cerimonia anche un orso (finto!) che, seduto in platea, applaudiva al terzo Oscar ricevuto da Mad Max (con palese delusione di Leonardo DiCaprio).
A dominare la scena in assoluto Mad Max: Fury Road. Inside Out, una delle ultime meraviglie Disney, era una vittoria alquanto aspettata: difficile avere rivali con un film d’animazione del genere. Non è andata come sperato dai fan la premiazione all’attore non protagonista, ricevuta da Mark Rilanci per Il Ponte delle Spie, a scapito di Sylvester Stallone.
Sul fronte musicale standing ovation per Lady Gaga, che ha eseguito la sua Til It Happens To You e per il grande Ennio Morricone per The Hateful Eight il quale, vistosamente commosso, ha detto: “Ringrazio l’Academy per questo riconoscimento. non c’è una musica importante senza un grande film. Ringrazio Tarantino per avermi scelto e dedico questa musica e questa vittoria a mia moglie Maria. Grazie”.
In lacrime Sam Smith, vincitore per Writing’s On The Wall in 007 – Spectre; “è la prima volta che un gay vince e spero che presto non ci siano queste discriminazioni” ha detto.

Il premio alla Migliore Regia va a Alejandro G. Iñárritu per Revenant – Redivivo che, stringendo la statuetta in mano, ha detto a DiCaprio: “Leo tu sei il vero Redivivo”.
Prima nomination e storica vittoria per Brie Larson, protagonista in Room.
Sudato e desiderato (anche e soprattutto dai fan, l’Oscar a Leonardo Di Caprio che, dopo 5 nomination andate a male, corona finalmente il sogno di stringere tra le mani l’agognata statuetta “Devo congratularmi con Tom Hardy, mio fratello negli sforzi. Grazie per aver creato questa esperienza” ha detto Leo, ringraziando commosso non solo Iñárritu ma tutti i registi con i quali ha lavorato. Ha poi speso belle parole per esprimere il rapporto uomo-natura, fortemente sentito nella pellicola. “Non dobbiamo dare per scontato questo mondo, io non davo per scontata questa serata” ha concluso. 
Clamorosa la vittoria de Il Caso Spotlight come miglior film.

Tutti i vincitori degli Oscar 2016

Miglior Film:

Miglior Attore Protagonista:

Miglior Attrice Protagonista:

Miglior Attore non Protagonista:

Miglior Attrice non Protagonista:

Rooney Mara in Carol
Jennifer Jason Leigh in The Hateful Eight
Rooney Mara in Carol
Rachel McAdams in Il Caso Spotlight
Alicia Vikander in The Danish Girl VINCITRICE
Kate Winslet in Steve Jobs

Miglior Regista:

Miglior Film d’Animazione:

Miglior Film Straniero:

Miglior Fotografia:

Miglior Costume:

Miglior Documentario:

Miglior Cortometraggio Documentario:

  • Body Team 12 David Darg and Bryn Mooser
  • Chau, beyond the Lines Courtney Marsh and Jerry Franck
  • Claude Lanzmann: Spectres of the Shoan Adam Benzine
  • A Girl in the River: The Price of Forgiveness Sharmeen Obaid-Chinoy VINCITORE
  • Last Day of Freedom Dee Hibbert-Jones and Nomi Talisman

Miglior Montaggio:

Miglior Colonna Sonora:

Miglior Canzone Originale:

Migliore Scenografia:

Miglior Trucco e Acconciatura:

Miglior Cortometraggio:

  • Ave Maria Basil Khalil and Eric Dupont
  • Day One Henry Hughes
  • Everything Will Be Okay (Alles Wird Gut) Patrick Vollrath
  • Shok Jamie Donoughue
  • Stutterer Benjamin Cleary and Serena Armitage VINCITORE

Miglior Cortometraggio d’Animazione:

  • Bear Story Gabriel Osorio and Pato Escala VINCITORE
  • Prologue Richard Williams and Imogen Sutton
  • Sanjay’s Super Team Sanjay Patel and Nicole Grindle
  • We Can’t Live without Cosmos Konstantin Bronzit
  • World of Tomorrow Don Hertzfeldt

Miglior Sonoro:

Miglior Montaggio Sonoro:

  • Il Ponte delle Spie Andy Nelson, Gary Rydstrom and Drew Kunin
  • Mad Max: Fury Road Chris Jenkins, Gregg Rudloff and Ben Osmo VINCITORE
  • Sopravvissuto – The Martian Paul Massey, Mark Taylor and Mac Ruth
  • Revenant – Redivivo Jon Taylor, Frank A. Montaño, Randy Thom and Chris Duesterdiek
  • Star Wars: Il Risveglio della Forza Andy Nelson, Christopher Scarabosio and Stuart Wilson

Migliori Effetti Speciali:

  • Ex Machina Andrew Whitehurst, Paul Norris, Mark Ardington and Sara Bennett VINCITORE
  • Mad Max: Fury Road Andrew Jackson, Tom Wood, Dan Oliver and Andy Williams
  • Sopravvissuto – The Martian Richard Stammers, Anders Langlands, Chris Lawrence and Steven Warner
  • Revenant – Redivivo Rich McBride, Matthew Shumway, Jason Smith and Cameron Waldbauer
  • Star Wars: Il Risveglio della Forza Roger Guyett, Patrick Tubach, Neal Scanlan and Chris Corbould

Miglior Sceneggiatura Originale:

  • Il Ponte delle Spie Written by Matt Charman and Ethan Coen & Joel Coen
  • Ex Machina Written by Alex Garland
  • Inside Out Screenplay by Pete Docter, Meg LeFauve, Josh Cooley; Original story by Pete Docter, Ronnie del Carmen
  • Il Caso Spotlight Written by Josh Singer & Tom McCarthy VINCITORE
  • Straight Outta Compton Screenplay by Jonathan Herman and Andrea Berloff; Story by S. Leigh Savidge & Alan Wenkus and Andrea Berloff

Miglior Sceneggiatura non Originale:

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto