Venezia 76 – Martin Eden: intervista a Luca Marinelli e Pietro Marcello

Ai nostri microfoni Pietro Marcello e Luca Marinelli: ecco cosa ci hanno raccontato a Venezia 76 il regista e l'interprete protagonista di Martin Eden.

- Ultimo aggiornamento: 5 Settembre 2019 18:14 - Tempo di lettura: 2 minuti

Martin Eden è la trasposizione cinematografica dell’omonimo e celebre romanzo di Jack London. Pietro Marcello ha diretto Luca Marinelli in questa storia di riscatto e tenacia, in cui il protagonista è un giovane marinaio napoletano che non desidera altro che diventare uno scrittore, un poeta. Da autodidatta il giovane Martin, come in una lotta di classe a suon di cultura, in cui si inserisce l’amore per una ragazza della borghesia napoletana, scala la società e riflette sullo spirito politico del tempo, disegnano una linea che racconta a grandi tratti la storia del nostro Paese.

Il film, inserito nel concorso di Venezia 76 è distribuito da 01 Distribution ed è in sala dal 4 settembre 2019. Qui sotto trovate l’intervista al regista del film Pietro Marcello e all’interprete protagonista Luca Marinelli (Ricordi?, Lo chiamavano Jeeg Robot).

Venezia 76 – Martin Eden: recensione del film di Pietro Marcello

Tra immagini di repertorio e una fotografia spiccatamente vintage il film di Pietro Marcello offre una rivisitazione del romanzo d’inizio novecento molto originale, ambientando la storia in una Napoli d’altri tempi. Luca Marinelli che ha caratterizzato il suo ruolo con l’accento napoletano, conferma la sua bravura e tratteggia un convincente ritratto di questo famoso personaggio. Fra i momenti memorabili del film c’è il discorso che contrappone il liberismo al socialismo, fino ad approdare a ciò in cui il protagonista crede: l’individualismo e la crescita attraverso la cultura. Oltre a raccontare una storia di formazione universale, il Martin Eden di Pietro Marcello è un’occasione per riflettere sul nostro passato storico e su quello che può essere il futuro a cui tutti tendiamo.

Ecco la sinossi ufficiale del film:

Dopo aver salvato da un pestaggio Arturo, giovane rampollo della borghesia industriale, il marinaio Martin Eden viene ricevuto in casa della famiglia del ragazzo e qui conosce Elena, la bella sorella di Arturo, e se ne innamora al primo sguardo. La giovane donna, colta e raffinata, diventa non solo un’ossessione amorosa, ma il simbolo dello status sociale cui Martin aspira a elevarsi. A costo di enormi fatiche e affrontando gli ostacoli della propria umile origine, Martin insegue il sogno di diventare scrittore e – influenzato dal vecchio intellettuale Russ Brissenden – si avvicina ai circoli socialisti, entrando per questo in conflitto con Elena e con il suo mondo borghese…

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto