Operazione U.N.C.L.E. - Cinematographe.it

Profondamente attento al glamour e al fascino visivo, Guy Ritchie non manca di far sentire il suo stile in Operazione U.N.C.L.E., film del 2015 rifacimento dell’omonima serie tv che si giova delle interpretazioni ricche di potere evocativo di Henry Cavill e Alicia Vikander, nei panni rispettivamente di Napoleon Solo e Gaby Teller, due fuggitivi che in piena Guerra Fredda si mettono sulle tracce dei parenti di lei, sfuggendo al KGB e agli agenti comunisti che li inseguono.

Recensione da letto – Operazione U.N.C.L.E.

In questa atmosfera d’altri tempi, la cura di scenografie e costumi assume un ruolo a dir poco centrale, sottolineando ancora una volta quanto il regista sappia sfruttare questi aspetti in favore della narrazione. La resa scenica della storia si basa quindi su tutto un ampio spettro di possibilità che un viaggio on the road attraverso l’Europa può fornire a un racconto per immagini: la fuga dei due si intreccia infatti con i destini dei parenti della ragazza che li hanno portati in diversi angoli del continente, quindi il viaggio si divide soprattutto tra Gran Bretagna, nella zona circostante Londra in particolare, e in Italia Centrale, tra Lazio e Campania.

Dove è stato girato Operazione U.N.C.L.E.?

Operazione U.N.C.L.E. - Cinematographe.it

Il glamour della rinascita del secondo dopoguerra trova sfogo nei costumi di Operazione U.N.C.L.E. avvalendosi anche di scenari suggestivi e molto funzionali allo scopo estetico dalla forte attrattiva patinata. Tra questi troviamo Londra e il circuito di Goodwood, uno dei maggiori circuiti storici della Gran Bretagna, dalla lunga tradizione automobilistica e sul cui asfalto vengono ospitati diversi importanti festival annuali a quattro e a due ruote. Nel film il luogo fa da sfondo agli inseguimenti in auto più dinamici, ma lo stesso circuito compare anche in alcuni episodi di Downtown Abbey. Sempre rimanendo oltre la Manica, non poteva mancare Londra, patria reale ed elettiva del regista che la celebra anche nei piccoli dettagli estetici.

Operazione U.N.C.L.E. – il trailer ufficiale italiano

Avvicinandoci invece ai nostri lidi, Operazione U.N.C.L.E. vive il sogno vacanziero degli anni Sessanta, con i protagonisti che corrono tra le vie di Roma per poi rilassarsi su terrazze dalla splendida vista sulla città. Di Roma, Guy Ritchie ha messo in risalto il contrasto tra le moderne forme morbide e la rigida architettura di epoca fascista, attraversando Piazza di Spagna e Trinità dei Monti, fino al Teatro Marcello e il bar del Grand Hotel Plaza in via del Corso. Il fascino esercitato da La dolce vita e i ricordi di Mastroianni tornano evidenti in questi richiami scenografici, che si intrecciano con la trama quasi spionistica, arrivando fino a Villa Farnese e al Convento di Santa Maria di Caprarola, situato a nord di Roma.

Operazione U.N.C.L.E. - Cinematographe.it
L’isola di finzione creata ad hoc per Operazione U.N.C.L.E.

Continuando l’ideale viaggio poetico nella memoria cinematografica, il set si è spostato più a sud, arrivando a Napoli e alla sua baia, modificando in post-produzione la collocazione degli edifici in maniera funzionale alla narrazione: il Castello Aragonese di Bacoli è stato infatti “traslato” sull’isola di Vivara, per dare vita all’immagine di una fortezza inespugnabile, isolata dalla terraferma e in cui viene tenuto prigioniero il dottor Teller.

Anche la Mostra d’Oltremare e il suo Teatro Mediterraneo figurano in Operazione U.N.C.L.E. nelle vesti di quartier generale della compagnia di navigazione dei Vinciguerra. Pozzuoli, la baia di Napoli e il golfo mediterraneo fanno da sfondo alle avventure dei protagonisti, che si stagliano contro questo sfondo immaginifico, ricco di spunti onirici e che sembra guidare le mosse degli inseguimenti permettendo una repentina e costante scoperta di questi luoghi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto