Tutti i soldi del mondo: eliminate le scene con Kevin Spacey, Plummer al suo posto

In seguito alla gravità crescente della accuse contro la cattiva condotta sessuale di Kevin Spacey, Ridley Scott ha deciso di eliminare le sue scene dal film già completo.

In una mossa senza precedenti, il regista Ridley Scott, insieme a Dan Friedkin e Bradley Thomas di Imperative Entertainment, ha deciso di rimuovere Kevin Spacey dal film già completato Tutti i soldi del mondo. Christopher Plummer è stato scelto per sostituire Kevin Spacey nel ruolo di J Paul Getty. Le riprese delle scene da girare nuovamente dovrebbero iniziare immediatamente. Scott è anche determinato a mantenere la data di uscita del film al 22 dicembre.

In un fronte unificato, il cast e la troupe del film, insieme a Sony Pictures, hanno accettato all’unanimità di eliminare tutte le scene di Spacey da Tutti i soldi del mondo, con la collaborazione di Mark Wahlberg e Michelle Williams. Questa decisione arriva in seguito alla decisione di rimuovere il film dal prestigioso spazio notturno di chiusura del Festival AFI. Una decisione che aveva portato a riflettere, con le accuse contro Kevin Spacey che stavano facendo sì che un film che Scott abbandonò tutto per dirigere e su cui tante persone avevano lavorato duramente subisse troppo duramente la macchia dello scandalo. Da quel momento hanno preso il controllo della narrazione e Scott ha deciso di non arrendersi, rigirando le scene chiave che hanno coinvolto J Paul Getty, il petroliere che rifiutò di pagare un riscatto dopo che suo nipote, John Paul Getty III, era stato rapito.

Kevin Spacey ha lavorato circa otto-dieci giorni su Tutti i soldi del mondo, ma il personaggio è una presenza importante anche se gran parte dell’azione del thriller coinvolge gli sforzi frenetici della madre dell’erede sequestrato Gail Harris (Williams) e del consulente di Getty (Wahlberg) per liberare il giovane.

Sebbene sia molto più complicato, considerando quanto velocemente si avvicini la data di rilascio, con la necessità non solo di fare dei reshoots, ma anche di rifare tutti i materiali di marketing, questa diventa la seconda istanza in cui i produttori di film si sono rifiutati di permettere che la loro immagine venisse danneggiata da uno scandalo esterno al loro operato. L’altro esempio è arrivato quando gli sceneggiatori / registi Taylor Sheridan, Jeremy Renner e Elizabeth Olsen e i produttori Basil Iwanyk e Matthew George hanno ritirato il controllo del film Wind River dalla Weinstein Company dopo che decine di donne hanno affermato che il co-presidente TWC, Harvey Weinstein le aveva molestate.

Fonte: Deadline

Articoli correlati