Thor: The Dark World

Thor: Ragnarok potrà anche aver dominato il botteghino questo autunno, ma le cose non sono sempre state così soleggiate nella serie di film dedicata al Dio del tuono. Il film originale di Thor è stato accolto con grande soddisfazione, ma il sequel, Thor: The Dark World, è uno dei film meno rispettati nella MCU, sia dai fan che dalla critica. Secondo una delle star della pellicola, poi, i problemi con il progetto non erano solo con nel film stesso.

Durante un’intervista con BBC Radio 2, l’ex attore di Doctor Who Christopher Eccelston ha rivelato di essere stato imbrogliato dalla Marvel Studios prima del suo ruolo nel film. A quanto pare non gli è stato detto che Malekith, il cattivo del film, avrebbe avuto bisogno di tanto makeup come, poi, è successo. “La Marvel è stata disonesta con me”, ha rivelato Eccelston. “Perché non mi hanno mai fatto sapere che ci sarebbe stata una tale quantità di trucco”. L’attore ha continuato spiegando che ha trascorso una grande quantità di tempo sulla sedia da trucco ogni giorno.

Il primo paio di giorni sono state circa sette ore, otto ore. Penso che alla fine siamo riusciti a scendere a sei ore e mezza: è un giorno di lavoro prima di qualsiasi altra cosa”.

Il presentatore Graham Norton ha affrontato l’argomento “soldi” rispetto a ciò che Eccelston ha guadagnato con il ruolo. L’attore non ha esitato a dire che era solo lo stipendio a tenerlo seduto su quella sedie:

Soldi. È esattamente quello che ho sentito.

Come ha ammesso Eccelston nell’intervista, Thor: The Dark World non è stato esattamente il suo “momento migliore”. Nonostante l’uscita fallita, Thor: The Dark World non ha seppellito l’eroe Marvel per sempre. Ragnarok è stato un grande successo al botteghino ed è stato accolto con una ricezione critica estremamente positiva.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE