The Post Cinematographe

Ironia della sorte, dopo la dichiarazione di Tom Hanks, secondo la quale l’attore non proietterebbe The Post alla Casa Bianca, quest’ultima ha richiesto di vedere il film.

The Post, il film di Steven Spielberg, che ruota attorno a un giornale definito da Trump una fonte di notizie fasulle, potrebbe essere proiettato al 1600 di Pennsylvania Avenue (indirizzo della Casa Bianca). La Casa Bianca ha richiesto la proiezione della pellicola non solo in Pennsylvania Avenue, ma anche a Camp David (ovvero una delle numerose residenze del Presidente degli Stati Uniti), secondo quanto riportato su The Hollywood Reporter.

La richiesta della Casa Bianca appare particolarmente ironica, considerando che il film ruota attorno alla pubblicazione dei Pentagon Papers nel 1971, da parte proprio del Post; situazione risolta con una decisione presa dalla Corte Suprema, che ha segnato una netta vittoria della stampa nella sua battaglia contro la censura del governo.

Il tutto sembra ancora più assurdo se prendiamo in considerazioni le molteplici dichiarazioni di Meryl Streep contro il Presidente Trump (iconico il suo discorso anti Trump alla cerimonia dei Golden Globes dello scorso anno). Inoltre, come ribadito all’inizio dell’articolo, anche Tom Hanks è contrario all’attuale presidenza, tanto da affermare che avrebbe rifiutato un eventuale invito da parte della Casa Bianca, se questa avesse richiesto una proiezione speciale di The Post.

Chissà cosa accadrà, e soprattutto chi avrà la meglio? La Casa Bianca riuscirà a ottenere la sua richiesta, abbastanza nonsense, di proiettare il film? In attesa di novità, vi ricordiamo che The Post uscirà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 1° Febbraio. Continuate a seguirci su Cinematographe – FilmIsNow per rimanere aggiornati con le ultime news!

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto