Taika Waititi Cinematographe
Scopri il nostro Shop Online

Thor: Ragnarok è definito il film più gay del Marvel Cinematic Universe: ecco come ha replicato il regista Taika Waititi

In un recente articolo di Vulture, il giornalista Kyle Buchanan ha dichiarato che il terzo film del franchise del Dio del Tuono, Thor: Ragnarok, è il film più gay tra tutti quelli appartenenti all’Universo Cinematografico Marvel. Buchanan sembra essere giunto a questa conclusione tramite una particolare valutazione completamente ironica e assolutamente non provata scientificamente. A quanto pare, Thor: Ragnarok è considerato il film più gay per il suo “omoerotismo, le star che compongono il cast, ottimi outfit, e altre cose indefinite tipicamente gay“. Ecco la pronta risposta del regista Taika Waititi:

Quindi, cosa rende effettivamente Ragnarok il film più gay del Marvel Cinematic Universe? Anche se un Chris Hemsworth senza maglietta sembra una parte integrante, quello che fa guadagnare più punti al film da questo punto di vista è lo stesso Waititi. Ecco cosa ha scritto Buchanan : “Quando ho pensato quale immagine in evidenza volessi per questo articolo, il mio primo istinto è stato quello di pensare a un Chris Hemsworth senza maglietta, a Tessa Thompson e Cate Blanchett, e poi ho realizzato che facevano parte tutti dello stesso film“.

Tuttavia, Thor: Ragnarok ha perso qualche punto quando si è arrivati al personaggio interpretato da Tessa Thompson, Valchiria. Nei fumetti, Valchiria è bisessuale, anche se questo non viene esplicitato e specificato nel film. Questo argomento è stato oggetto di vari dibattiti, con la stessa Thompson che ha pronunciato delle dichiarazioni in merito sui social.

Al di là delle donne, è stato lo stesso Taika Waititi a garantire ulteriori punti a Ragnarok, rendendolo il film più gay. A quanto pare, infatti, il regista ha indossato a un party una maglia a rete e l’autore dell’articolo ribadisce che, nonostante Waititi sia felicemente sposato con una donna, crede fermamente che “prima o poi uscirà allo scoperto“, facendo coming out. Si spiega così il tweet del regista, che festeggia proprio perché lui stesso è il Most Valuable Player, al primo posto della lista tra gli elementi che hanno contribuito a rendere Ragnarok il film più gay.