Star Wars IX, Star Wars: L'ascesa di Skywalker Cinematographe.it

La bozza della sceneggiatura di Colin Trevorrow per Star Wars IX è molto diversa da ciò che abbiamo visto nel film di J.J. Abrams

Era solo una questione di tempo. Anche se J.J. Abrams è il regista e co-sceneggiatore di Star Wars: L’ascesa di Skywalker, sappiamo che non è stato il primo regista o sceneggiatore del film. Questi onori sono andati a Colin Trevorrow, che era stato scelto per tornare al timone della saga nel 2015. Ha sviluppato la sceneggiatura di Star Wars IX con il suo frequente collaboratore Derek Connolly negli anni successivi, ma nel 2017 ha lasciato il progetto a causa di differenze creative.

Fu allora che Abrams salì a bordo e iniziò a rielaborare la storia, con i titoli di coda de L’Ascesa do Skywalker che attribuivano a Abrams e Chris Terrio i crediti per la sceneggiatura e Trevorrow e Connolly i crediti per la storia.

Ma dato che Trevorrow è stato su Star Wars IX per così tanto tempo, sapevamo che aveva sicuramente sviluppato almeno una bozza di una sceneggiatura, il che significava che da qualche parte c’era una versione alternativa dell’episodio IX. E ora i principali punti della trama di una delle bozze di Trevorrow sono trapelati online.

Il leak della sceneggiatura proviene dallo YouTuber Robert Meyer Burnett, che ieri ha pubblicato un video che presumibilmente rivela i punti principali della versione di Star Wars IX di Trevorrow, intitolata Star Wars: Duel of the Fates, almeno stando alle varie conferme pervenute da fonti affidabili.

Lo Star Wars IX di Colin Trevorrow era molto diverso da quello di J.J. Abrams. Sappiamo che questa bozza è datata dicembre 2016, quindi non ci sarebbero stati ulteriori cambiamenti se Trevorrow fosse rimasto a bordo e come abbiamo visto più e più volte, possono verificarsi cambiamenti importanti in una sceneggiatura una volta che le telecamere cominciano il loro lavoro. Quindi non c’è alcuna garanzia che se Trevorrow fosse rimasto nel progetto, lo script trapelato avrebbe rispecchiato fedelmente il suo film. Ad ogni modo, la scansione iniziale della sceneggiatura, scritta da Trevorrow e Connolly, è la seguente:

L’impugnatura di ferro del PRIMO ORDINE si è diffusa fino ai confini più remoti della galassia. Solo pochi pianeti sparsi rimangono non occupati. Gli atti traditori sono punibili con la morte. Determinato a soffocare un crescente disordine, il leader supremo KYLO REN ha messo a tacere tutte le comunicazioni tra i sistemi vicini. Guidata dal GENERALE LEIA ORGANA, la Resistenza ha pianificato una missione segreta per impedire il loro annientamento e forgiare un percorso verso la libertà …

Richard E. Grant si rifiuta di svelare dettagli sul suo ruolo

L’inizio del film riprende molto da Gli Ultimi Jedi, in quanto il Primo Ordine ha interrotto tutte le comunicazioni tra i pianeti al fine di sopprimere una ribellione ispirata dalla posizione di Luke Skywalker nella battaglia di Crait. Quindi la scintilla della ribellione era presente in questa versione del film. In effetti, la sequenza di apertura del Duello dei Destini trova Finn (John Boyega), Rose (Kelly Marie Tran) e BB-8 che rubano uno Star Destroyer pieno zeppo di armi imperiali. Durante la rapina, Finn vede uno Stormtrooper senza casco che riconosce, con la sua storia in Duel of the Fates che conclude bene quella iniziata ne Il Risveglio della Forza. Oh e Rose? Apparentemente è al centro dell’intero film, il che è un vero peccato dato che è stata completamente messa da parte ne L’Ascesa di Skywalker.

Nella versione di Trevorrow, Rose e Finn sono in missione su Coruscant per accendere un antico faro nel vecchio tempio Jedi, che chiamerà la galassia in guerra. Vengono imprigionati, Rose viene interrogata dal generale Hux (Domhnall Gleeson) e Finn guida una rivolta di disertori della tempesta in una battaglia a terra nelle strade di Coruscant. Alla fine del film, Finn e Rose guidano un gruppo di giovani Force Sensitive su un pianeta remoto dove Rey sta aspettando di formare la prossima generazione di Jedi. E sì, “Broom Boy” è uno di questi.

Per quanto riguarda Reylo, Kylo Ren muore ancora alla fine di Duel of the Fates, ma il suo arco nel film, così come quello di Rey, è completamente diverso. Innanzitutto, non esiste l’imperatore Palpatine. All’inizio del film, Kylo Ren è scomparso a Mustafar (il pianeta lavico di Darth Vader) e si crogiola nel vecchio castello di Vader. Lì, è “ossessionato” dal Fantasma della Forza di Luke Sykwalker (il ritorno di Mark Hamill) e combatte persino una versione allucinatoria di Darth Vader in stile lotta di Luke nella caverna. Entra in contatto con l’insegnante Sith di Palpatine, Tor Valum, tramite un antico dispositivo Sith mentre cerca di porre fine ai Jedi e ai Sith una volta per tutte.

Ma è cattivo, cattivo, cattivo in questa versione della storia. Rey (Daisy Ridley), nel frattempo, crede ancora che ci sia qualcosa di buono in Kylo Ren e si è unita a Poe (Oscar Isaac) per mettere fine ai Jedi / Sith a modo suo – un’altra storia che questo film riprende dalla fine di Gli Ultimi Jedi.

E i genitori di Rey? Kylo Ren li ha uccisi per volere di Snoke.
Il finale del film trova Rey e Kylo Ren che si scontrano sul mistico pianeta Mortis, con Rey che riceve assistenza dai Fantasmi della Forza di Luke, Obi-Wan (presumibilmente Ewan McGregor) e Yoda. Gli Jedi cercano senza successo di riportare alla luce Kylo Ren, ma è troppo lontano e alla fine viene “estinto”.
Questo è onestamente ciò che molti pensavano sarebbe dovuto essere il punto cruciale di Star Wars IX: la battaglia per l’anima di Kylo Ren.

Che ne pensate? Avreste preferito uno sviluppo di questo genere per Star Wars IX? Fatecelo sapere nei commenti!

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE