Ready Player One Cinematographe

Steven Spielberg porta il fascino della CGI alla versione cinematografica del romanzo pieno di nostalgia Ready Player One.

Nonostante un’ondata di cinismo sui social media prima della sua uscita, la premiere del SXSW di Ready Player One ha scatenato alcune recensioni sorprendentemente positive per la celebrazione della realtà virtuale di Steven Spielberg sulla cultura pop degli anni ’80. Non tutti sono stati sorpresi dal film, che certamente sembra avere i suoi difetti, ma gli haters che erano convinti che nemmeno Spielberg potesse essere in grado di portare il romanzo di Ernest Cline sul grande schermo potrebbero doversi rimangiare le loro parole.

“I giocatori sono lontani dagli unici che risponderanno a questa immagine del mondo virtuale, che crea un equilibrio ideale tra live action e CGI”, scrive John DeFore di The Hollywood Reporter, aggiungendo: “Le maggiori attrazioni del film non possono essere descritte qui senza rovinare il divertimento di risolvere i misteri e rovinare le apparizioni a sorpresa dei personaggi di cui facciamo tesoro della nostra infanzia. I trailer rivelano la presenza molto gradita di Iron Giant, il cui ruolo nel culmine è dolcemente fedele alla natura del personaggio. Ma anche altre guest star hanno un ruolo importante nell’azione, e non sono necessariamente quelle che i fan del romanzo si aspetterebbero.”

Altri hanno concordato sul fatto che il film sia stato un successo inaspettato. Come dice Eric Kohn di IndieWire: “È un po’ troppo a lungo e trascina troppe cose nel suo atto finale, ma non fate errori: questo è il più grande crowdfeaser di Spielberg da anni, un’opera in CGI che brandisce la tecnologia con un occhio di riguardo. È anche il suo film più stilizzato fin dai tempi di I.I.: Intelligenza Artificiale, anche se molto più divertente, con una cavalcata di immagini che lascia l’impressione di vedere un gruppo di film di Luc Besson e decide di superarli tutti. Il risultato è uno stupefacente spettacolo di fantascienza e un implacabile viaggio nostalgico allo stesso tempo.”

Certamente, l’idea che le sequenze VR funzionassero meglio della “realtà” è un pensiero comune, riassunto da Marlow Stern di The Daily Beast: “Con la piccola eccezione di un ballo da discoteca goffo, i set di VR sono molto divertenti, incluso un set all’interno di un film horror iconico degli anni ’80 che ha fatto ridere il cinema per la gioia. E il film nel suo insieme non si sente mai soffocato dalla sua rapidità, TV, musica e riferimenti al gioco – per gentile concessione dei co-sceneggiatori Cline e Zak Penn – la maggior parte dei quali ha funzionato. Le scene del mondo reale non sono così efficaci, in parte a causa di [Tye] Sheridan che assomiglia più a un “hunky jock” che a un gamer geek, ma non impantaniamoci troppo.”

[amazon_link asins=’B078JTXDF3,3596296595,8466420924,0099560437′ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’48262cc1-26a9-11e8-bdb4-4b95044d4c8f’]

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

Scopri il nostro Shop Online