Kill Bill Quentin Tarantino Cinematographe

Quentin Tarantino non è d’accordo con chi afferma che Kill Bill Vol. 1 Kill Bill Vol. 2 sono due film diversi

La produzione di Kill Bill è durata ben 155 giorni. Quando il film è entrato in pre-produzione, la troupe era ben consapevole che le tre ore di film sarebbero state dimezzate, e anche il produttore Harvey Weinstein aveva già suggerito di prendere in considerazione l’idea di dividere il film. Dato che il montaggio continuò, divenne chiaro a Quentin Tarantino e alla Miramax che fare uscire il prodotto in due film sarebbe stato più sensato. Così, a luglio 2013 – tre mesi prima dell’uscita prevista di Kill Bill – fu annunciato che il film era stato diviso in due parti, che sarebbero state distribuite separatamente. Kill Bill Vol. 1 uscì a ottobre 2013, come pianificato, e Kill Bill Vol. 2 uscì nell’aprile 2014.

Quentin Tarantino spiega la scena dello sputo in Kill Bill

Due date d’uscita, due titoli di coda e di testa. Due film, giusto? Beh, sbagliato, secondo Tarantino. Il dibattito su se Kill Bill è un film o due si è acceso nel corso del decennio scorso, ma in una recente ospitata al podcast di CinemaBlend, il regista ha dichiarato con enfasi che Kill Bill è un film: “Tecnicamente lo abbiamo distribuito come se fossero due film, e ci sono dei titoli di testa e di chiusura in ciascuno di essi, ma dato che l’ho girato come un film, e l’ho scritto come un film, per me rimane un unico lungometraggio“.

Tarantino ha continuato, ammettendo che trasse vantaggio nel distribuire il film in due parti: “In realtà funzionò perfettamente. Francamente, la verità in tutto ciò è che non penso sarebbe diventato un film così celebre se fosse stato di quattro ore. Un ragazzo mi disse proprio questo tanti anni fa. Mi disse, ‘Quentin, ecco come stanno le cose. Mio zio amerà questo film, ma non lo amerebbe in quattro ore“.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto