noi - cinematographe.it

Jordan Peele è forte del suo successo e, dopo l’ulteriore conferma di Noi, non ha intenzione di scendere a compromessi per la sua carriera

Jordan Peele l’ha fatto di nuovo. Dopo il successo massiccio del suo primo lungometraggio come regista e scrittore, Scappa – Get Out, il regista si è calato ancora di più nel genere horror con il suo ultimo film, Noi (Us). E a giudicare dalle vendite dei biglietti del primo weekend, sembrerebbe che Peele sia destinato a competere direttamente con alcuni dei più grandi nomi del cinema. Ma come il regista ha descritto in un recente panel, non è disposto a seguire i tipici standard approvati dal settore, ora che ha trovato il successo.

Parlando al Upright Citizens Brigade Theatre (tramite THR), Peele ha parlato di Noi, oltre a ciò che il successo che ha trovato gli ha permesso. Fondamentalmente, è già arrivato in anno, facendo le cose a modo suo, quindi è esattamente quello che continuerà a fare.

Il recente successo del cineasta è iniziato nel 2017, con Scappa – Get Out. Tuttavia, nonostante il film sia stato premiato agli Oscar e abbia fatto un sacco di soldi al botteghino, quando Peele stava scrivendo la sceneggiatura, ha continuato farsi domande, chiedendosi se il film fosse stato quello giusto da creare.

Ogni due settimane pensavo, ‘Che cazzo sto facendo? Sto scrivendo un film in cui un uomo di colore è vittimizzato e tutti i bianchi sono cattivi e sto cercando di far divertire il pubblico’, ma se riesci a divertire il pubblico in quel modo…è stato quello che mi ha fatto andare avanti“, ha detto.

Noi: recensione dell’horror di Jordan Peele

Sappiamo tutti come sia andata la storia da qui. Get Out ha dominato il botteghino e guadagnato incredibili riconoscimenti. Peele ha continuato a ricevere tonnellate di offerte da studi importanti per fare un follow-up. E a causa di ciò, il regista ha detto di sentirsi incredibilmente fortunato ad essere investito di questa nuova credibilità, per il potere che gli concede.

Per come la vedo, riesco a mettere i neri nei miei film“, ha detto il regista. “Mi sento fortunato ad essere in questa posizione in cui posso dire alla Universal: ‘Voglio fare un film dell’orrore da 20 milioni di dollari con una famiglia nera’. E dicono di sì.”

Ma non aspettatevi che Peele faccia il prossimo film campione d’incassi con un protagonista maschile bianco approvato dallo studio. No, il regista ha in mente altre idee. “Non mi vedo con un protagonista bianco nel mio film. Non che non mi piacciono i bianchi“, ha detto. “Ma ho visto quel film.” Ha continuato, “È davvero uno dei migliori e più grandi pezzi di questa storia, fa sentire come siamo in questo momento – è successo un rinascimento e ha dimostrato che i miti sulla rappresentanza nel settore sono falsi“.

Nessuna parola su ciò che Peele ha in serbo per un sequel di Noi. Il regista ha un sacco di progetti in varie fasi di sviluppo, con la sua compagnia di produzione che lavora instancabilmente su film e progetti televisivi, tra cui The Twilight Zone rielaborazione che arriverà su CBS All Access a partire dall’ 1 aprile.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE