La lunga marcia Cinematographe.it

Dopo aver terrorizzato il pubblico incassando oltre 700 milioni di dollari con IT, lo scorso anno, New Line Cinema è tornata nella libreria di horror letterari di Stephen King per selezionale un adattamento de La lunga marcia (The Long Walk), come riportato da The Hollywood Reporter.

Il romanzo, originariamente scritto intorno al 1966-67 ma non pubblicato fino al 1979, non è stato il primo romanzo di Stephen King, ma il primo pubblicato sotto il suo pseudonimo di Richard Bachman. La storia segue un gruppo di concorrenti adolescenti in un’America futura distopica che deve viaggiare in una competizione non-stop, estenuante, dove i partecipanti sono costretti a camminare sotto determinate regole e restrizioni fino a quando non resta in piedi solo uno.

New Line sta collaborando con lo sceneggiatore James Vanderbilt (Zodiac, The Amazing Spider-Man) per realizzare l’adattamento e produrre La lunga marcia. Vanderbilt ha anche recentemente scritto e diretto il dramma del 2015 Truth. I diritti sul grande schermo sono stati inizialmente detenuti per anni da Frank Darabont, che è noto per aver dato vita a precedenti opere tratte da romanzi di King, tra cui The Shawshank Redemption, The Green Mile e The Mist. Da molto tempo il fan de La lunga marcia Vanderbilt agognava il progetto, anche scrivendone una sua versione, fino a che i diritti di Darabont alla fine sono caduti e si è affrettato ad acquisirli.

Bradley Fischer e William Sherak produrranno La lunga marcia insieme a Vanderbilt tramite la loro società Mythology Entertainment. La compagnia di produzione ha attualmente tre progetti horror in uscita quest’anno, tra cui Slender Man che uscirà nelle sale il 24 agosto, The House with a Clock in Its Walls che uscirà il 21 settembre e il remake di Suspiria in uscita per l’autunno.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto