La Forma dell’Acqua: Guillermo del Toro e la lezione sull’amore del film

Guillermo del Toro spiega le difficoltà in una storia d'amore come quella raccontata ne La Forma dell'Acqua - The Shape of Water, che vede un'inserviente muta instaurare un legame profondo con una creatura marina. Il film ha conquistato il Leone d'Oro a Venezia.

Perfetto per San Valentino, La Forma dell’Acqua – The Shape of Water cela una profonda lezione sull’amore, di cui Guillermo del Toro ha discusso in un’intervista

Sicuramente tra i film di maggior impatto dell’attuale stagione, La Forma dell’Acqua – The Shape of Water è la storia anni ’60 di un’inserviente muta (Sally Hawkins) che lavora presso un laboratorio governativo e che finisce per instaurare una profonda relazione con una creatura acquatica (Doug Jones) su cui i suoi datori di lavoro stanno compiendo esperimenti. Intervistato da Steve Pond di The Wrap, Guillermo del Toro ha spiegato le difficoltà insite in una storia d’amore come quella raccontata nel suo film:

“Ci sono così tante cose che penso siano molto difficili da assorbire nella tipica storia del tipo La Bella e la Bestia, su come si cambia le persona che si ama. È questo l’orrore. La mia insegnante soleva dire: ‘Prendili come sono o lasciali come sono.’ Penso che ci sia così tanta verità in quelle parole.”

La Forma dell’Acqua – The Shape of Water (QUI il trailer finale e QUI la nostra recensione) ha trionfato alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia portando a casa il Leone d’Oro. Nelle nostre sale dal 14 febbraio, il titolo sarà tra i protagonisti dei prossimi Oscar. Guillermo del Toro ha già dichiarato che questo è il film di cui va più fiero, trattandosi di una storia (quella di un amore fra donna e mostro) che aveva intenzione di portare sullo schermo già quando pensava di realizzare un remake de Il mostro della laguna nera. Non per nulla, inizialmente, ha considerato di girare la sua ultima fatica in bianco e nero.

Articoli correlati