Josh Brolin Cinematographe

Josh Brolin rivela chi abbia preferito interpretare, Thanos in Avengers: Infinity War o Cable nel sequel di Deadpool

Il 2018 sarà un anno grandioso per Josh Brolin, prima di tutto perchè l’attore vestirà i panni del Folle Titano Thanos nel Kolossal dei Marvel Studios Avengers: Infinity War, attraverso la motion capture; in secondo luogo perché interpreterà in carne ed ossa e col green screen sul braccio sinistro il mutante viaggiatore del tempo, Cable, nel sequel di Deadpool.

Entrambi sono personaggi dei fumetti Marvel ma esistono in film e universi assai dissimili tra loro ma la vera domanda riguarda, quale dei due personaggi Josh Brolin abbia preferito interpretare. Ebbene in una nuova intervista è stato chiesto all’attore chi abbia apprezzato di più tra i due e finalmente abbiamo la verità:

Ascolta mi è piaciuto molto inerpretare Cable, è molto alla mano ma penso che se dovessi avere una preferenza, sarebbe Thanos, solo perché la mia aspettativa era piuttosto bassa, dato che pensavo fosse un oggetto di scena. Invece sarà proprio l’opposto, avendo visto abbastanza del film e capito quanto fosse all’avanguardia questo processo tecnologico [della motion capture], sai? Mi guardavo e vedevo ogni spasmo, ogni battito di ciglia, stavo guardando come se difronte ci fossi davvero io. All’inizio, prima di dire di sì, ho chiamato Mark Ruffalo e gli ho detto: ‘Cosa ne pensi della motion capture?’ e lui mi ha risposto ‘All’inizio sarà davvero scomoda [la tuta], ma poi vedrai il film, e rimarrai assolutamente sconvolto dalle cose che hai fatto sul set.’ ed è stato davvero così, ormai hanno fatto enormi passi da gigante nella pratica del mo-cap. Non c’è niente di non autentico al riguardo.

Quindi Thanos 1, Cable 0? Lo scopriremo il prossimo 25 aprile in Avengers: Infinity War.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto