Il ritorno dello Jedi bikini di Leia

Sebbene i genitori non ci abbiano pensato quando Il ritorno dello Jedi debuttò nel 1983, i tempi sono cambiati. E qualcuno semplicemente non ama l’idea di mostrare Carrie Fisher in un costume da bagno a due pezzi. Il bikini dorato della principessa Leia è stato un punto di contesa negli ultimi anni e adesso è stato riproposto da un gruppo conservatore che cerca di censurare l’iconico costume da bagno spaziale.

Carrie Fisher ha parlato molte volte del costume nel corso degli anni, di come l’aveva resa nervosa e che inizialmente pensava che George Lucas stesse scherzando quando le mostrò il due pezzi dorato. Alla fine, ha deciso di accettare la situazione perché poteva uccidere Jabba il Hutt. Ma lei avvertì Daisy Ridley:

“Non essere una schiava come me.”

Arstechnica riferisce che un video in streaming on-demand che filtra i contenuti scorretti dei film di Hollywood per renderli più adatti a tutta la famiglia ha cercato di cancellare il bikini della principessa Leia da Il ritorno dello Jedi, per il loro servizio di streaming. Il servizio VidAngel acquista DVD e ne rimuove la nudità, parole blasfeme o scurrili e altro materiale potenzialmente offensivo e offre alle famiglie conservatrici un’esperienza cinematografica pulita e senza sensi di colpa. Ma è legale? Come si applicano le azioni di VidAngel alla legge sul copyright?

Il ritorno dello Jedi: VidAngel chiuso per aver censurato il bikini di Leia

Da quanto emerso, un tribunale ha deciso che è illegale rimuovere il bikini dorato di Leia dal terzo film di Star Wars. VidAngel ha violato i diritti esecutivi di Disney, Lucasfilm, 20th Century Fox e Warner Bros. A quanto pare “Star Wars è ancora Star Wars, anche senza il bikini della Principessa Leia” e le motivazioni di VidAngels si sono rivelate insufficienti per giustificarne l’azione. VidAngel ha anche cercato di argomentare che i loro cambiamenti sono stati protetti in base al Family Movie Act, o FMA del 2005, che consente di rimuovere il materiale sospetto finché non viene creata alcuna copia modificata della nuova versione. Il tribunale non è d’accordo con le argomentazioni della FMA perché VidAngel non ha mai avuto il permesso di offrire in streming Il ritorno dello Jedi.

VidAngel è stato chiuso nel dicembre del 2016 e rimarrà fuori servizio dopo la sentenza del tribunale. Il tribunale ha deciso che se dovesse continuare ad offrire il servizio di streaming, avrebbe inizio una scappatoia dai diritti d’autore che consentirebbe a chiunque di acquistare legalmente una copia fisica di un film e di modificarla, cosa che a sua volta contribuirebbe alla pirateria e a danneggiare la commercializzazione. Il tribunale ha sostenuto che eliminare materiale scorretto “può consentire a uno spettatore di godere di un film”, ma non aggiunge nulla di nuovo o cambia l’espressione del film, il che significa che il film è ancora il film, non importa quello che si toglie.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto