Disney+ Cinematographe

Disney+ debutterà ufficialmente negli Stati Uniti il 12 novembre 2019 e costerà $6.99 al mese

Il servizio video on demand Disney+ rappresenta una delle mosse più aggressive e competitive all’interno delle guerre di servizi streaming. Decidendo un costo di 6.99 dollari mensili – quasi la metà del prezzo di Netflix, $12.99 – la Casa di Topolino aumenterà sicuramente i propri consumatori con una varietà di contenuti che attraggono molteplici segmenti della popolazione, inclusi film e serie TV provenienti da brand come Marvel, Star Wars, Pixar e della stessa Disney.

La società ha annunciato il costo, la data di lancio e altri dettagli nel corso del Disney’s 2019 Investor Day, giovedì 11 aprile a Burbank, in California. L’amministratore delegato della Disney, Bob Iger, dopo che gli è stato chiesto dagli analisti il motivo del costo pari a $6.99, ha dichiarato: “Questa è la nostra prima seria iniziativa in questo spazio, e vogliamo raggiungere con esso quante più persone possibili“.

Disney+, negli Stati Uniti, sarà anche disponibile per un piano opzionale annuale di $69.99 all’anno (che verrebbe così $5.83 al mese). Nel 2018, la Disney ha incassato più di 7 miliardi di dollari, vendendo 900 milioni di biglietti in tutto il mondo. Kevin Mayer, responsabile del segmento diretto al Consumatore e degli affari internazionali della Disney, ha detto: “Crediamo che quella domanda possa essere trasferita al Disney+. Siamo sicuri che i consumatori ameranno il servizio“.

Disney+: il debutto del nuovo servizio di streaming previsto a novembre

Al momento del lancio, Disney+ includerà più di 7500 episodi delle attuali serie tv non più in onda; 25 sere originali e 10 film originali e speciali; 400 titoli cinematografici nella libreria; e 100 recenti uscite cinematografiche. Questo piano comprende, dunque, i diritti esclusivi di tutte le 30 stagioni de I Simpson, che la Disney ha ottenuto attraverso l’acquisizione della 20th Century Fox.

Dal punto di vista finanziario, la Disney spenderà un miliardo di dollari sulla programmazione originale, mentre avrà poco meno di un miliardo da spendere in spese operative. Entro il 2024, le spese sui contenuti originali dovrebbero aumentare a $2.5 miliardi.

Il servizio streaming, inoltre, non conterrà pubblicità e sarà supportato soltanto dalle tariffe degli abbonati. Entro due anni, la società mira ad aver reso disponibile il servizio virtualmente in tutto il mondo. Dopo l’iniziale lancio Nord Americano nel novembre 2019, il servizio sarà disponibile nell’Europa dell’ovest e nelle regioni del Pacifico asiatico nei primi mesi del 2020 e nell’Europa dell’Est e in America Latina alla fine del 2020.

Il servizio sarà la casa esclusiva di Video on Demand per nuove uscite dei Walt Disney, Studios, Pixar, Lucasfilm, e Marvel, a partire dalla programmazione cinematografica del 2019, che incluse Captain Marvel, Toy Story 4, Dumbo, Avengers: Endgame, Frozen II i remake live-action di Aladdin e de Il re leone, Maleficent: Mistress of EviStar Wars: Episodio IX. Presenterà anche una serie di show e film originali.

Disney+ offrirà anche accesso ai contenuti cinematografici della Disney – inclusi, entro il primo anno dal lancio, tutti i film di Star Wars, secondo quanto confermato dal Presidente di Lucasfilm, Kathleen Kennedy. Al lancio, ci saranno anche 250 ore di contenuti NatGeo, inclusi i film documentari Jane e il Premio Oscar Free Solo, e centinaia di episodi di serie tv di Disney Channel, così come il nuovissimo film Phineas e Ferb, che mostra molti dello stesso cast vocale della serie animata.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto