Lake Success Jake Gyllenhaal Cinematographe.it

David Fincher ha dichiarato che le aspettative su Jarhead hanno influenzato la sua relazione con Jake Gyllenhaal in Zodiac

Jake Gyllenhaal ha riassunto la sua esperienza nel realizzare il thriller di David Fincher del 2007 Zodiac quando ha parlato col New York Times prima dell’uscita del film, dicendo: “Fincher dipinge con le persone” e “difficile essere un colore“. L’attore alludeva alle tensioni derivanti dall’esigente stile di regia di Fincher, che ha visto Gyllenhaal fare fino a 70 riprese per una stessa scena.

In una nuova intervista con il Times in occasione dell’uscita di Mank, David Fincher è stato onesto sulla tensione con Gyllenhaal e ha descritto la situazione come “estremamente semplice“.
Jake era nella posizione poco invidiabile di essere molto giovane e avere molte persone in competizione per la sua attenzione, mentre lavorava per qualcuno che non ti permette di prenderti un giorno libero“, ha detto Fincher. “Credo che tu debba avere tutto fuori dalla tua visione periferica. Penso che la filosofia di Jake fosse influenzata da – guarda, aveva fatto un sacco di film, anche da bambino, ma non credo che gli sia mai stato chiesto di concentrarsi sulle minuzie, e penso che fosse molto distratto “.

Fincher ha spiegato che Zodiac ha iniziato le riprese mentre il film di guerra di Gyllenhaal Jarhead stava debuttando, spingendo l’attore nel blitz della stagione dei premi.
Il regista ha detto: “Aveva un sacco di gente che gli suggeriva che Jarhead sarebbe stato un film imponente e lo avrebbe inserito in quest’altra lega, e ogni fine settimana veniva conteso per andare al festival di Santa Barbara e al Palm Springs e al Catalina Film Festival. E quando si presentava al lavoro, era molto distratto “.

I suoi manager e i suoi stupidi agenti che venivano tutti alla sua roulotte a pranzo per parlargli della copertina di GQ e di questo e quello“, ha continuato Davide Fincher. “Veniva rosicchiato a morte dalle anatre, e non da anatre particolarmente intelligenti. Sono entrati nella sua visione ed è stato difficile per lui svicolarsi”.

Fincher ha notato che le tensioni con Gyllenhaal per lo più si sono attenuate alla fine della produzione e che Gyllenhaal si è persino scusato. Il regista ha ammesso che “ci sono sicuramente momenti in cui posso essere conflittuale se vedo qualcuno rallentare“, ma ha anche aggiunto: “Le persone attraversano continuamente momenti difficili. Lo faccio anche io. Quindi cerco di essere comprensivo al riguardo. Ma si tratta di: Quattro. Cento. Mila. Dollari. Al giorno. E potremmo non avere la possibilità di tornare e farlo di nuovo.

Dico agli attori tutto il tempo: non taglierò i postumi della sbornia, non taglierò il tuo cane che muore, non taglierò il fatto che hai appena licenziato il tuo agente o il tuo agente ti ho appena licenziato ”, ha concluso David Fincher. “Una volta arrivato qui, l’unica cosa che mi interessa è, abbiamo raccontato la storia?

Nei 13 anni trascorsi da quando Zodiac è uscito nelle sale, il film è diventato un gioiello della corona nelle filmografie di Fincher e Gyllenhaal.

Leggi anche: Zodiac – recensione del film tratto da una storia vera