Colin Firth Cinematographe

Colin Firth è l’ultimo attore a rimproverare pubblicamente Woody Allen, avendo dichiarato a The Guardian che non farà progetti con il regista in futuro. “Non lavorerei più con lui”, ha detto Firth in risposta all’inchiesta del Guardian di giovedì (18 gennaio), lo stesso giorno in cui Dylan Farrow ha rilasciato la sua prima intervista televisiva accusando il padre adottivo di averla aggredita sessualmente quando aveva sette anni.

Colin Firth ha recitato nel film di Allen del 2013 Magic in the Moonlight, prima che la Farrow pubblicasse una lettera aperta l’anno successivo sostenendo che suo padre adottivo l’avesse molestava in un attico e accusava Hollywood di essersi trasformata in un “occhio cieco”. Allen ha negato l’accusa apostrofandola come “non veritiera e vergognoso” e ha di nuovo confutato le affermazioni questa settimana, accusando la famiglia Farrow di “usare cinicamente l’opportunità offerta dal movimento Time’s Up per rilanciare questa asserzione già screditata”.

L’iniziativa Time’s Up è stata diffusa quest’anno in risposta alla resa dei conti sugli abusi sessuali a Hollywood iniziata in autunno, derivante dalle molestie sessuali e le accuse di stupro contro il produttore Harvey Weinstein. A dicembre, Dylan Farrow ha scritto un editoriale ribadendo le sue affermazioni e chiedendo perché il movimento contro la violenza sessuale avesse risparmiato Allen e invitando altri attori a sostenerla.

Da allora, molti attori di alto profilo hanno espresso pubblicamente empatia per la Farrow, dichiarando di essersi pentiti di aver lavorato con Allen, tra cui Mira Sorvino, Rachel Brosnahan, Greta Gerwig, Rebecca Hall e Timothée Chalamet. Hall e Chalamet, che hanno partecipato al prossimo film di Allen, A Rainy Day in New York, che doveva uscire quest’anno, hanno detto che avrebbero donato i loro stipendi in beneficenza.

L’anno scorso, Colin Firth ha parlato apertamente di Weinstein, la cui compagnia ha prodotto Il discorso del Re, un film del 2010 che ha regalato a Firth un Oscar. Firth ha definito Weinstein un “uomo terrificante” e ha detto di provare vergogna per non aver fatto altro quando l’attore Sophie Dix gli parlò di “un incontro angosciante” con Weinstein avvenuto più di 25 anni prima.

Mentre un numero crescente di donne importanti che hanno collaborato con Allen hanno recentemente condannato il regista, molti potenti attori maschili sono rimasti in silenzio, suscitando critiche. Alec Baldwin, tuttavia, ha difeso Allen e ha criticato le star che hanno denunciato il regista.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto