Chadwick Boseman: Viola Davis usava per lui un tenerissimo nomignolo

Viola Davis ha recentemente parlato di Ma Rainey's Black Bottom, discutendo anche della sua esperienza di lavoro con Chadwick Boseman.

L’attrice premio Oscar Viola Davis ha parlato del suo lavoro con Chadwick Boseman in Ma Rainey’s Black Bottom e del vezzeggiativo usato per lui

Mentre promuoveva il suo progetto più recente, Ma Rainey’s Black Bottom, Viola Davis ha rivelato il suo soprannome per il compianto Chadwick Boseman, che recita insieme a lei nel film. Dopo una distribuzione limitata nei cinema, il film è ora in streaming su Netflix. La pellicola è diretta da George C. Wolfe e basata sull’omonima opera teatrale del 1982 del Premio Pulitzer August Wilson. Ambientato nel 1927, il film racconta la storia della leggendaria cantante blues della vita reale Ma Rainey, interpretata da Viola Davis, conosciuta come la “Madre del Blues”. Sebbene Rainey sia accreditata per aver aperto la strada a un intero genere musicale, ci sono solo sette fotografie di lei nel mondo.

Ma Rainey’s Black Bottom è diventato rapidamente uno dei film più acclamati dalla critica dell’anno. Sembra già essere in odore di Oscar, in parte a causa delle ottime performance di Viola Davis e Chadwick Boseman. Attualmente ha una valutazione del 99% su Rotten Tomatoes. Segna anche l’ultima performance di Boseman prima della sua tragica scomparsa in agosto, e molti critici lo definiscono il suo migliore di tutti i tempi. Prima del loro ultimo film insieme, Boseman e Davis hanno recitato insieme nel film biografico su James Brown del 2014 Get on Up, in cui Viola Davis interpretava la madre del Brown di Boseman.

Davis ha recentemente parlato con Arab News del film e ha discusso di nuovo della sua esperienza di lavoro con Boseman. L’attrice premio Oscar ha detto di aver sempre pensato a Boseman come al suo “bambino”, anche se non glielo ha detto direttamente. Davis ha spiegato:

Ho interpretato sua madre, quindi l’ho sempre chiamato il mio bambino. L’ho sempre visto così. Probabilmente non glielo avrei detto perché avrebbe potuto rabbrividire. Lavorare con Chadwick significa essere al cospetto della grandezza, davvero. E in realtà non lo vedo tragicamente – so che ha perso la vita a 43 anni – a causa di quello che ha fatto con il tempo che aveva.

Boseman è morto lo scorso agosto per un cancro al colon, a seguito di una battaglia durata quattro anni che ha tenuto nascosta agli occhi del pubblico. Meglio conosciuto per aver interpretato il ruolo principale in Black Panther dell’MCU, Boseman ha anche accumulato un elenco impressionante di altri ruoli in importanti produzioni cinematografiche come 42, Marshall e Da 5 Bloods.

Il vezzeggiativo di Viola Davis per Chadwick Boseman è solo una delle tante storie che mette in evidenza l’impatto dell’attore sia dentro che fuori dallo schermo, dimostrando come abbia condotto la sua vita con compassione, anche quando ha dovuto affrontare la battaglia privata della malattia. L’eredità di Boseman è indubbiamente duratura e i commenti di Viola Davis mostrano la forza del loro legame. Sebbene sia difficile pensare a ciò che Boseman avrebbe continuato a realizzare se la sua vita non fosse stata interrotta, Viola Davis ha ragione a concentrarsi sui suoi profondi risultati e sulla qualità della sua vita, piuttosto che sulla quantità.

Leggi ancheMa Rainey’s Black Bottom – recensione del film Netflix

Articoli correlati