I registi di Captain Marvel parlano di una scena alternativa in cui Nick Fury avrebbe svelato l’identità di Talos in modo diverso

Dopo il successo sul grande schermo, Captain Marvel fa capolino sugli scaffali americani nelle sue versioni DVD e Blu-ray. Fra i vari extra del cinecomic vi è ovviamente il commento dei registi Anna Boden e Ryan Fleck. Sono tante le curiosità svelate dal duo nel corso della chiacchierate e fra queste vi è una scena alternativa che avrebbe visto protagonisti Nick Fury (Samuel L. Jackson) e Talos (Ben Mendelsohn).

In Captain Marvel, infatti, il futuro direttore dello S.H.I.E.L.D. smaschera il proprio superiore Keller, sotto le cui sembianze si nasconde appunto lo Skrull. La scena in questione sarebbe però potuta andare diversamente rispetto a quanto visto sul grande schermo, come spiegano i due registi:

Abbiamo parlato moltissimo sui diversi modi in cui Fury avrebbe potuto capire che il suo capo fosse uno Skrull e uno di quelli a non essere finiti nel film ma per cui provo un certo affetto vedeva la scarpa di Keller slacciata e Nick Fury che portava la cosa all’attenzione [di Keller] ma lo Skrull non sapeva come allacciarla, perché i lacci da scarpa sono stranamente complicati e non così ovvi, soprattutto per uno Skrull che non ne ha bisogno, avendo una tecnologia più avanzata.

Leggi anche: Captain Marvel 2 – Tutto quello che sappiamo sul possibile sequel

Alla fine, l’idea è stata scartata, ma sicuramente sarebbe stato divertente vedere il piano di Talos andare in rovina per via di un semplice laccio. Nonostante ciò, Captain Marvel ha trovato il favore del pubblico e di buona parte della critica. La protagonista Brie Larson ha ripreso i panni di Carol Danvers in Avengers: Endgame e sembra proprio che la supereroina possa avere un sequel tutto suo nel prossimo futuro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto