Avatar 2 Cinematographe.it
Scopri il nostro Shop Online

Quando James Cameron ha deciso di fare Avatar negli anni 2000, ha ammesso di avere intenzione di trasformare il franchise in una trilogia, o forse addirittura in cinque film

Dopo il rilascio e il successivo successo di Avatar nel 2009, James Cameron si mise al lavoro scrivendo quelli che ritenevamo essere due sequel che potrebbero o non potrebbero essere visti uno di seguito all’altro. Ma man mano che la scrittura continuava, il progetto si espandeva in tre sequel, e poi in seguito in quattro sequel.

Dopo anni di scrittura e sviluppo, la produzione è attualmente in corso sia su Avatar 2 che su Avatar 3, con la maggior parte delle riprese di Avatar 4 e Avatar 5 che inizieranno dopo che Avatar 2 raggiungerà le sale cinematografiche nel 2020, oltre un decennio dopo il debutto del primo film.

Mentre il film originale è il film con il maggior incasso nella storia, ci sono senza dubbio un sacco di persone che non hanno mai visto Avatar, comunque curiose di sapere se possono entrare in questo franchise a partire da Avatar 2. La risposta, a quanto pare, è sì.

Il produttore di Avatar Jon Landau ha recentemente preso parte a una sessione di domande e riposte alla proiezione IMAX di Alita: Angelo della Battaglia, che ha anche prodotto, e ha rivelato che ognuno dei sequel di Avatar potrà essere affrontato come un film indipendente:

Avatar: Edie Falco (I Soprano) nel cast dei sequel di James Cameron

Ogni film è un film indipendente che possiamo vedere. Non è necessario aver visto il primo Avatar per vedere Avatar 2. Si trova lì e porteremo le persone in un viaggio visivo ed emotivo che arriva alla sua conclusione. Ok, facciamo un passo indietro. È un film che vorremmo fare solo come una storia indipendente? Sì. Ora facciamo la stessa cosa col film 3, 4 e 5. Il lusso con Avatar è il mondo di Pandora. Possiamo tenerlo lì, ma tutto può essere nuovo, non stiamo percorrendo un nuovo terreno.

Una delle grandi domande che circondano questi sequel di Avatar è se ci sia ancora un interesse in questo franchise un decennio dopo. A differenza di Star Wars o Harry Potter, Avatar non è ancora rimasto nello spirito del tempo per tutto questo tempo, nonostante una presenza importante nel parco a tema Disney Animal Kingdom. Ma marcare questi sequel come qualcosa di nuovo e autonomo, che non richiede un’intensa familiarità con il primo Avatar, è una mossa molto intelligente.