a star is born, cinematographe.it

Liza Minnelli dice la sua sul nuovo A Star Is Born, nella cui seconda versione cinematografica la madre Judy Garland vestiva i panni recentemente indossati da Lady Gaga

Grazie al suo ruolo in A Star Is Born, Lady Gaga è stata nominata all’Oscar come miglior attrice protagonista, oltre a portare a casa la statuetta per la miglior canzone. L’attrice e cantante non è stata però la prima a interpretare quella parte, con il secondo lungometraggio incentrato sulla stessa storia che vedeva Judy Garland star assoluta. Dopo oltre 60 anni da quell’adattamento, a parlare del recente remake è Liza Minnelli, figlia della Garland.

La figlia d’arte è stata intervistata da ET e ha spiegato cosa, secondo lei, sua madre avrebbe pensato della prova di Lady Gaga nel nuovo A Star Is Born:

Avrebbe riso. E poi avrebbe cominciato ad apprezzarlo. Posso sentirla dire: ‘Ok, andiamo!’ Incredibile fino alla fine!

Leggi anche: Un video mostra la trasformazione di Bradley Cooper in A Star Is Born

Scomparsa nel 1969, Judy Garland non ha potuto assistere alle prove delle colleghe che hanno preso il suo posto nei successivi rifacimenti di A Star Is Born. Prima di Lady Gaga, il ruolo era stato già interpretato da Barbra Streisand, mentre il primo film, datato addirittura 1937, vedeva Janet Gaynor protagonista. Probabilmente, per la Garland sarebbe stato interessante vedere il proprio personaggio riportato in vita nel corso di così tante decadi, rimanendo sempre attuale.

Non c’è dubbio che la prova di Lady Gaga in A Star Is Born sia stata apprezzata molto da critica e pubblico, soprattutto per via dell’alchimia fra l’attrice e Bradley Cooper, anche regista del film. Per quanto riguarda la figura di Judy Garland, invece, la star sarà al centro del biopic Judy, in cui a darle volto sarà Renée Zellweger. Il titolo esordirà questo autunno.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto