Frozen 2, cinematographe.it

Abbiamo già parlato dei riferimenti storici e mitologici legati al sequel di Frozen, ma in Frozen 2 – Il segreto di Arendelle si parla anche del popolo dei Northuldra, una tribù indigena con un passato legato profondamente a quello di Anna ed Elsa. In Frozen 2 si vede anche la Foresta Incantata, situata a nord del regno di Arendelle, spesso minacciata da catastrofi. In seguito a un terremoto, Elsa e Anna intraprendono un viaggio insieme ad Olaf, il pupazzo di neve, Kristoff e la renna Sven, nelle profondità della Foresta Incantata. Lì incontrano i nativi Northuldra che sono stati allontanati da Arendelle e vivono segregati dietro un’invalicabile barriera di nebbia. La storia dell’origine del conflitto tra i Northuldra e il regno di Arendelle è una parte fondamentale della storia di Frozen 2.

Dopo aver affrontato i quattro elementi risvegliati nella Foresta, Anna e Elsa scoprono che la loro madre, la regina Iduna, era in realtà appartenente al popolo dei Northuldra e che salvò il padre Agnarr quando erano giovani. Fu il loro nonno Runeard (Jeremy Sisto) a dare vita al conflitto quando decise di costruire una diga che avrebbe limitato le risorse della tribù. Dopo questa scoperta Elsa è disposta a fare tutto il possibile per riportare armonia tra i Northuldra e Arendelle

La Foresta Incantata, il regno di Arendelle e il popolo dei Northuldra: la popolazione indigena di Frozen 2

frozen 2, cinematographe.it

La tribù Northuldra si ispira ai nativi Sámi del Nord Europa, in particolare della Norvegia, su cui poi si basa l’ambientazione del mondo immaginario di Frozen. Sebbene il franchise avesse già toccato la cultura dei Northuldra in precedenza, con la canzone Vuelie, i produttori hanno collaborato questa volta con dei rappresentanti nativi Sámi per realizzare un ritratto accurato della loro cultura e un parallelo il più realistico possibile con il film. I Sámi hanno affrontato un duro passato di segregazione, discriminazione e abuso delle loro terre. L’esempio più noto di questa ingiustizia è stata la costruzione di una centrale idroelettrica contro la loro volontà, a cui fa riferimento la diga di Frozen 2.

Leggi anche Frozen 2 – Il segreto di Arendelle: le nuove location del film animato

Aver introdotto queste storie e questa riflessione ha arricchito la tradizione del franchise facendo luce su una situazione ancora molto attuale di ingiustizie verso le popolazioni indigene. I film d’animazione Disney trattato temi ben definiti e universali come l’amore, l’amicizia, l’accettazione di sé e degli altri e la ricerca di una propria identità. Il pubblico oggi è sempre più aperto verso tematiche come la narrativa post-coloniale o i cambiamenti climatici, che incoraggiano gli spettatore a lottare contro le ingiustizie sociali, lo sfruttamento e le problematiche ambientali. Frozen 2 riesce ad offrire uno spunto di riflessione in modo sensibile e dolce, essendo principalmente un film per bambini.

frozen 2- Il segreto di Arendelle, cinematographe.it

Nonostante il successo al botteghino, Frozen 2 ha ricevuto recensioni contrastanti, anche se il modo in cui i personaggi esplorano e approfondiscono la conoscenza del mondo che li circonda e degli altri è risultata un’idea vincente e uno degli aspetti maggiormente apprezzati, considerando che prende ispirazione da una cultura e da un popolazione indigena reale.

Frozen II – Il Segreto di Arendelle è disponibile su Disney+.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE