Dune: cosa sappiamo del film di Denis Villeneuve?

Dune uscirà nel 2020 e sarà diverso dal film di David Lynch. Alla regia Denis Villeneuve e tra i protagonisti il giovane Timothée Chalamet e Rebacca Ferguson.

- Ultimo aggiornamento: 8 ottobre 2018 11:54 - Tempo di lettura: 6 minuti

Dune, romanzo di Frank Herbert del 1965, è considerato tra i più grandi del genere fantascienza che siano mai stati scritti, e ora è pronto per un nuovo adattamento cinematografico dal regista di Blade Runner 2049, Denis Villeneuve.

Nel corso degli anni, sono stati diversi i registi che – senza successo – hanno provato a realizzare una degna trasposizione cinematografica del libro. Alejandro Jodorowsky per esempio, aveva in mente un piano ambizioso (forse troppo) che includeva anche i Pink Floyd per la realizzazione della colonna sonora. Poi, il produttore Dino De Laurentiis ha ingaggiato un giovane David Lynch, fresco di nomination agli Oscar per The Elephant Man. Il risultato finale però, fu ampiamente criticato, e Lynch prese subito le distanze dal film, dicendo che la sua visione artistica in un certo senso era stata sminuita. Nel novembre 2016, fu rivelato che la Legendary Entertainment aveva richiesto i diritti per Dune, e il mese successivo, venne annunciato che Denis Villeneuve avrebbe diretto il progetto.

1. Dune: la trama del film

Raccontare Dune con una sinossi, non è un’impresa da poco. Si tratta, infatti, di un romanzo intricato di macchinazioni politiche e fanatismo religioso. La storia si svolge tra case nobiliari in lotta, che controllano ciascuno i propri pianeti. L’eroe principale del primo romanzo, Paul Atreides, fa parte della famiglia che è custode di Arrakis, il pianeta deserto, unica fonte della sostanza più preziosa dell’universo: il melange. Tale sostanza può sbloccare la vista futura in alcuni esseri umani ed è fondamentale per il viaggio nello spazio interstellare. La trama generale segue le battaglie per il controllo di Arrakis da parte delle molte famiglie nobili della galassia, e l’ascesa di Paul dall’erede della Casa Atreides a una delle figure più potenti dell’universo. Dune è stato il primo libro a vincere il Nebula Award come miglior romanzo. Arthur C. Clarke ha elogiato il romanzo dicendo: “Non conosco nulla di paragonabile ad esso, ad eccezione del Signore degli Anelli”. Ci sono cinque sequel del primo libro, e dal 1999 in poi, Brian Herbert e Kevin J. Anderson pubblicarono un numero di prequel, oltre a due sequel ufficiali della serie centrale di Dune.

Leggi anche Dune: Denis Villeneuve conferma: “il film sarà diviso in due parti”

2. Dune: la regia del nuovo adattamento affidata a Denis Villeneuve

Il regista di Québécois Denis Villeneuve è stato annunciato come regista di Dune l’anno scorso, dopo l’uscita del suo acclamatissimo Blade Runner 2049. Questo film non è stata la sua prima incursione nella fantascienza, in quanto l’anno precedente ha visto l’uscita di Arrival, con Amy Adams. Tra i suoi film in lingua inglese e francese, Villeneuve ha ottenuto una reputazione come regista di eccellente comprensione psicologica e bagliori visivi su grande e piccola scala, che è essenzialmente perfetto per un film di Dune.

Leggi anche:
Denis Villeneuve: l’uso dei colori in Blade Runner 2049 e non solo!
Blade Runner 2049: analisi e spiegazione di un nuovo miracolo

3. Dune: nel cast del remake Timothée Chalamet sarà il protagonista

Scopri anche Chi è Timothée Chalamet? 

Paul Atreides, l’eroe di Dune, è l’erede quindicenne della casa di Atreides, i signori aristocratici del pianeta Caladan. Alla fine acquisisce poteri sovrumani, sale in cima alla scala politica, e diventa una figura divina. Nel film di Lynch, è stato interpretato da Kyle MacLachlan, con il quale avrebbe poi collaborato per altri progetti. All’epoca MacLachlan aveva 24 anni, certamente troppo vecchio per Paul, sebbene non molto più vecchio dell’attore che reciterà la parte nel film di Villeneuve. Timothée Chalamet, reduce dalla sua nomination all’Oscar per Chiamami col tuo nome, ha 22 anni, ma è già stato incoronato ufficialmente come miglior attore della sua generazione. Qualsiasi progetto a cui aderirà susciterà interesse, ma è degno di nota il fatto che Chalamet abbia scelto Dune come il suo primo progetto di grande budget e non un ruolo di franchising più tradizionale. In un’intervista con il Daily Enquirer, Chalamet ha spiegato la sua decisione di aderire a Dune: “Così mi sono sempre detto, se fai un film importante, assicurati che sia con un regista davvero eccezionale; ho incontrato Denis agli Hollywood Film Awards l’anno scorso, non volevo fargli sapere che sarei stato felicissimo di partecipare al progetto, quindi gli ho solo detto “Ciao”. Denis ha risposto: “Ti piacerebbe fare questo film?” e io che non aspettavo altro risposi: “Sì, certo che lo farei.”

4. Dune: Rebecca Ferguson sarà Lady Jessica

Jodorowsky sperava di creare una serie di personaggi eclettici come Orson Welles, Salvador Dalí (che in seguito avrebbe richiesto un compenso di $ 100.000 l’ora), Gloria Swanson, Mick Jagger e Hervé Villechaize. Il cast di Lynch è stato ancora più impressionante: Kyle MacLachlan, Brad Dourif, Virginia Madsen, Patrick Stewart, Max von Sydow, Sting e Linda Hunt. Il cast di Villeneuve ha il potenziale per essere altrettanto grandioso, ma per ora gli unici nomi ufficializzati sono quello di Chalamet e della star di Mission: Impossible, Rebecca Ferguson. Rebecca è in trattative con la Legendary già dall’inizio di settembre 2018 e, a quanto si apprende, interpreterà la madre di Paul, Lady Jessica. Nel film di Lynch, è stata interpretata dall’attrice inglese Francesca Annis.

5. Dune, il sogno cinematografico di Denis Villeneuve

Per Villeneuve, Dune è un un sogno che si realizza. In un’intervista di settembre 2016 a Variety, mentre promuoveva Blade Runner 2049, ha descritto l’adattamento di Dune come “il mio sogno di vecchia data” ma “il processo per ottenere i diritti è davvero molto lungo e non credo che ci riuscirò”. Non c’era alcuna indicazione in questa intervista che Villeneuve fosse in alcun modo collegato a un progetto di Dune. È possibile, però, che Villeneuve fosse già in trattativa con Legendary a quel punto e che il suo coinvolgimento nell’adattamento sia stato un punto chiave di vendita per la Herbert, che ha firmato i diritti per una nuova società di produzione.

6. Il film riprenderà solo una parte del libro

La prima edizione di Dune era di 412 pagine, mentre le edizioni successive sono state molto più lunghe. L’edizione più recente, conta poco meno di 600 pagine. Anche prima che la saga si espandesse in una moltitudine di sequel, quel primo romanzo è una lettura densa e complessa. È una saga politica a più livelli con temi difficili e un enorme insieme di personaggi. Persino il film di Lynch, lungo 136 minuti, ha a malapena scalfito la superficie e ha faticato a condensare tutto. I fan di Dune hanno sempre saputo che qualsiasi adattamento cinematografico, futuro avrebbe avuto bisogno di almeno più di un film per far andare avanti la storia e completarla. Villeneuve a tal proposito ha confermato l’intenzione di realizzare almeno due film: “Probabilmente Dune impiegherà due anni affinché si realizzi il mio obiettivo: fare due film, forse di più”.

7. Dune, il film non sarà come quello di David Lynch

Villeneuve ha sempre espresso la propria ammirazione per Lynch e la sua visione, e recentemente ha dichiarato che: “David Lynch ha fatto un adattamento negli anni ’80 che ha alcune qualità molto forti; lui è uno dei migliori cineasti viventi, ho un enorme rispetto per lui, quando ho visto il suo adattamento sono rimasto impressionato, ma non è stato quello che mi aspettavo, quindi sto cercando di fare l’adattamento dei miei sogni … Non avrà alcun legame con il film di David Lynch. Tornerò al libro e andrò a ricercare quelle immagini sulle quali ho fantasticato, quando l’ho letto. “

8. Quando inizierà la produzione di Dune?

Brian Herbert ha twittato spesso sulla pianificazione della pre-produzione dietro le quinte di Villeneuve negli ultimi mesi, anche se non è ancora stata annunciata una data di inizio della produzione. Date le dimensioni del film e tutto il necessario – un cast imponente, tempi di ripresa lunghi, fasi di pianificazione dettagliate  – ha senso che la Legendary non voglia fissare una data definitiva. Secondo Omega Underground, Villeneuve ha in programma un viaggio di ritorno agli Orgio Film Studios di Budapest, in Ungheria (nello stesso luogo in cui ha girato Blade Runner 2049) per le riprese principali, e la produzione di Dune potrebbe iniziare già a febbraio 2019.

9. Dune: il poster e il trailer del film

Attualmente non c’è ancora un poster ufficiale per Dune, come anche il trailer: vi terremo aggiornati nei prossimi mesi.