Lucy and Desi: recensione del documentario Prime Video

Il documentario Lucy and Desi, disponibile su Prime Video, racconta la vita artistica e familiare della celebre coppia della sitcom americana degli anni '50.

Lucille Ball e Desi Arnaz (al centro del documentario Lucy and Desi) potrebbero non essere le figure che ci aspettiamo: un coacervo di esplosione euforica di fronte le telecamere americane in quei ruggenti anni ’50 in cui la televisione iniziava ad affacciarsi timidamente nella quotidianità sociale del pubblico statunitense, ma soprattutto un uomo e una donna innamorati del loro lavoro. E innamorati l’uno dell’altro, nonostante il triste epilogo del loro – apparentemente – felice matrimonio.

Un documentario di Prime Video, uscito il 4 marzo 2022 sulla piattaforma streaming, si pone come intento quello di raccontare la vita artistica del duo in Lucy and Desi, diretto da Amy Poehler con la partecipazione dei figli di Desi e Lucy e di conoscenti e colleghi che con loro hanno calcato le scene del piccolo schermo. Dopo la trasposizione filmica Being the Ricardos (con Nicole Kidman nei panni di Lucy), un documentare riporta alla luce due figure emblematiche che hanno ridefinito non solo la servilità americana, ma anche la filiera produttiva dopo il declino delle grandi Majors.

Lucy and Desi: una vita da sitcom

Lucy and Desi Cinematographe.it

Il documentario Lucy and Desi si concentra sulla figura mitizzata di Lucille Ball, icona seriale del piccolo schermo nei ruggenti anni ’50 e Desi Arnaz, partner nella vita privata e sul set. Retrospettiva impostata come un percorso parallelo che si snoda per mostrare la vita di entrambi gli attori, attraverso un montaggio alternato riesce a incastrarsi dolcemente e inesorabilmente fino a diventare un documentario di coppia, non escludendo nessuno dei due dalla ricostruzione della carriera artistica e familiare soggiacente la celebre sit com americana I Love Lucy.

Immortalando principalmente la vita al di fuori degli schermi televisivi, il documentario si concentra sulla rappresentazione di una donna, di un uomo, più che di attori in bilico tra la performance artefatta e vita quotidiana. Un uomo e una donna caratterizzati da impegno e dedizione che li hanno avvicinati e accumunati forse più di quello che hanno voluto ammettere nelle numerose interviste rilasciate nel corso degli anni: vissuti nella modestia economica (Desi aveva perso ogni avere a seguito della Rivoluzione cubana che ha rovesciato la sua benestante famiglia), entrambi hanno sempre cercato di emergere solo grazie alle loro capacità intrinseche, impegnandosi a fondo più di altri per raggiungere i loro obiettivi professionali.

Lucy and Desi: “Quando sai di non essere né bella né brillante, devi attirare l’attenzione in un altro modo”

Lucy and Desi Cinematographe.it

Lucy and Desi è, prima di tutto, un excursus de facto sul percorso artistico di una ragazza che non sapeva recitare. Chissà se i numerosi ruoli in film di nicchia e di serie B fossero dovuti alla cecità dei produttori di fronte al suo genio incompreso. Chissà se la sua perseveranza l’ha portata davvero a evolvere la propria pratica attoriale da scadente valletta e soubrette a icona della sitcom americana. Vero è che il modo in cui la figura di Lucille sia riuscita a oscurare quasi del tutto quella del marito Desi dimostra come il talento possa surclassare anche la definizione di gender, che soprattutto in quegli anni corrispondeva alla distinzione sociologica tra uomo/breadwinner e donna/housewife. Un elemento che nel documentario non viene per nulla estromesso, ma anzi viene quasi enfatizzato implicitamente attraverso il montaggio, è proprio la definizione visuale della figura di Desi, collaterale a quella femminile. Non a caso, sono proprio i figli della coppia a far intendere in modo non troppo celato come l’epilogo del loro matrimonio sia stato definito molto probabilmente da questo squilibrio di ruoli egemonici in ambito lavorativo.

Lucy and Desi Cinematographe.it

Tutto il documentario, però, sembra pervaso da un’unico filo conduttore, che ne determina l’impianto simbolico e metaforico, rappresentato da una Voice over impressa sul nastro di vecchi cassette registrate: l’amore, l’importanza della famiglia, nonostante il vincolo matrimoniale. Un amore che continua a persistere negli anni, fino alla fine: continua a esistere in un “Ti amo” detto quando tutto sta per finire, detto a chi si è lasciato da 30 anni, ma che non si è mai smesso di amare.

Lucy and Desi è sul servizio streaming di Amazon Prime Video dal 4 marzo 2022.

Regia - 3
Sceneggiatura - 3
Fotografia - 3
Sonoro - 3
Emozione - 3

3

Articoli correlati